email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SUNDANCE 2021 Concorso World Cinema Dramatic

Recensione: Luzzu

di 

- Il maltese Alex Camilleri rivela tutto il suo talento con un primo lungometraggio insolito e sottile che racconta in modo empatico, realistico e istruttivo la storia di un giovane pescatore spinto al limite

Recensione: Luzzu
Jesmark Scicluna in Luzzu

Quando una barca comincia a fare acqua, e la propria esistenza fa lo stesso, il problema può essere risolto con un  calafataggio meticoloso o si tratta di un problema strutturale più profondo che annuncia un’inevitabile fine (o metamorfosi) imminente? Questo è il tema centrale dalle molteplici ramificazioni affrontato in Luzzu [+leggi anche:
trailer
intervista: Alex Camilleri
scheda film
]
, l'ottimo primo lungometraggio del maltese Alex Camilleri, presentato nel concorso World Cinema Dramatic del 37° Festival di Sundance.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Molto rinfrescante, in questi tempi di orizzonti estremamente limitati, grazie ai vasti respiri offerti dalla sua ambientazione marina e soleggiata, il film tira con grande maestria (e molta onestà) le fila di una storia molto umana (un uomo, un mestiere a rischio, una famiglia sconvolta dai problemi finanziari) per far emergere gradualmente molti altri temi (le tradizioni locali confrontate con l'evoluzione del mondo moderno, la corruzione, l’adattamento o meno di valori e sogni alla realtà, il peso delle classi sociali, l'assunzione di responsabilità e la necessità di sapersi guardare allo specchio, ecc.). Un'esplorazione molto realistica, quasi documentaria (rafforzata dall'interpretazione di non professionisti) che il regista (che ha anche scritto la sceneggiatura) riesce a tramutare in una finzione finemente padroneggiata e che suscita facile empatia per le scelte spesso difficili che si presentano al crocevia di una vita umana che lotta nel presente, tra passato e futuro.

Il Ta' Palma appartiene alla famiglia di Jesmark (Jesmark Scicluna) da diverse generazioni. Questo 12 piedi di legno è un luzzu, queste barche tradizionali maltesi, dipinte con toni accesi (giallo, rosso, verde e blu) e che mostrano a prua l'occhio fenicio che dovrebbe proteggerle dai capricci del mare. Il giovane Jesmark ama il suo lavoro e la piccola comunità di pescatori del suo piccolo paese (tra cui il suo amico David interpretato da David Scicluna), ma l'economia della sua attività è in declino: il pesce scarseggia, pescato da grandi pescherecci o bandito per regolamento in determinate stagioni, le aste di mercato sono sprezzanti verso i piccoli pescatori, e soprattutto il suo luzzu imbarca acqua e avrebbe bisogno di una ristrutturazione totale. Problemi a cui si aggiunge una complicazione importante: la sua piccola Aiden ha problemi di crescita e deve consultare costosi specialisti. "Mi prenderò cura di te", assicura Jesmark alla moglie Denise (Michela Farrugia) che tuttavia decide di farsi aiutare dalla madre che non ha mai avuto stima per il mestiere di Jesmark. Ferito nel suo orgoglio, quest'ultimo farà di tutto per trovare denaro, per salvare il suo luzzu così come la sua famiglia (e la sua coppia). Ma proprio per questo, prende strade che lo distolgono dai suoi ideali, un ingranaggio che gli consentirà di scoprire molte cose sul suo ambiente e su se stesso...

Molto credibile, e restituendo perfettamente l'intera dimensione fisica dell'universo del pescatore (dal phishing al taglio passando per i lavori di riparazione manuali), Luzzu è un ritratto molto accattivante di un individuo ostinato alla ricerca di una via d'uscita, ma anche un quadro del funzionamento di un ecosistema e di una cultura in piena mutazione (fondi europei per aiutare la riconversione, traffici vari, questioni ambientali: "quanti pesci pensi ci saranno rimasti tra vent'anni, alla velocità con cui le temperature aumentano?"). Intrecciando un dramma molto intimo in un tessuto ricco di piccole complessità (una punta di thriller, sentimenti paterni e coniugali messi a dura prova, divari sociali sullo sfondo e il denaro al centro di tutto), Alex Camilleri realizza un esordio molto promettente, soprattutto perché non cede alle tentazioni manichee e sa riservare tante sorprese...

Prodotto da Noruz Films, Luzzu Ltd, Pellikola e Maborosi Films, Luzzu è venduto da Memento Films International.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy