email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2021 Encounters

Recensione: Azor

di 

- BERLINALE 2021: Andreas Fontana firma un avvincente lungometraggio d'esordio sulle orme di un banchiere svizzero immerso in una missione labirintica tra le alte sfere nocive della società

Recensione: Azor
Stéphanie Cléau, Ioana Padilla, Carmen Iriondo, Fabrizio Rongione e Raúl Lissarrague in Azor

"È impossibile capire cosa sta succedendo in questo paese". È il dicembre del 1980 e le strade di Buenos Aires sono attraversate dall'esercito al potere. Ma poiché tutti i palazzi, i club privati, le ville con piscina, le immense proprietà e le logge degli ippodromi si assomigliano, facendo dei privilegiati del mondo una numerosa famiglia di "cugini" che condividono la stessa cultura elitaria e parlano la stessa lingua, il banchiere svizzero Yvan De Wiel (Fabrizio Rongione) e sua moglie Inés (Stéphanie Cléau), di passaggio per la prima volta nella capitale argentina, non sono affatto disorientati. Tuttavia, una missione molto delicata attende il poliziotto Yvan: recuperare la clientela iperagiata e incline all’evasione fiscale del suo predecessore che è inspiegabilmente scappato. Questo è l'intrigante punto di partenza di Azor [+leggi anche:
trailer
intervista: Andreas Fontana
scheda film
]
, il riuscitissimo lungometraggio d'esordio dello svizzero Andreas Fontana, presentato nel concorso Encounters della 71ma Berlinale. Un film dal clima torbido e ovattato che lentamente ma inesorabilmente si immerge nell'atmosfera opaca dei romanzi polizieschi enigmatici (ma disseminati di chiavi simboliche) alla Borges, con in più un tocco di feuilleton (Mariano LlinásLa Flor – ha aiutato il regista nella scrittura della sceneggiatura). Perché la corruzione regna, tossica e pericolosa, nascondendo bestie avide sotto la vernice dello champagne e delle buone maniere.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Suddiviso in cinque capitoli che cominciano con "Il giro in cammello" (un rito di passaggio nel private banking), la trama contorta vede Yvan condurre una cauta indagine per cercare di capire perché Keys sia fuggito così frettolosamente, lasciando un enorme segno personale sulle persone benestanti i cui soldi ha aiutato a trasferire in Svizzera, ma anche un lungo corteo di voci allusive e sulfuree. Distinguere il vero dal falso e succedergli non è quindi un compito facile per Yvan, che, affiancato dalla moglie, si industria per incontrare i clienti più importanti e convincerli a continuare la loro attività con lui. Da Mme Lacrosteguy (Carmen Iriondo) ad Augusto Padel Camon (Juan Trench) e sua moglie Magdalena (Elli Medeiros), passando per l'aggressivo Farrell (Ignacio Vila) e il potente arcivescovo Tatoski (Pablo Torre Nilson), il nostro banchiere (segretamente ambizioso), messo alla prova dagli uni e dagli altri, risale al cuore del potere di una giunta militare (e dei suoi alleati) che fa planare la sua preoccupante politica di purificazione nazionale fino ai piani più intoccabili della società. Quanto lontano si spingerà Yvan, per servire la sua banca, nella giungla dell'oscuro fiume di denaro?

Trattando un soggetto sensibile e appassionante con un vero talento suggestivo (sguardi, allusioni, discorsi incompiuti, ecc.), Andreas Fontana eccelle nel distillare indizi e ammiccamenti manipolatori (un autista si chiama Dante) e nel giocare con immagini che risuonano volutamente con il personaggio principale: "crema, di cattivo gusto, un po 'rassicurante". Impareremo anche che in dialetto svizzero Azor significa "taci! Attento a quello che dici" e "fare la scimmia dalla bocca d'oro" significa "fare l’innocente". Tanti messaggi criptici nascosti all'interno di altri codici (sociali e bancari), senza contare che la parola Azor in spagnolo evoca anche un rapace ed era inoltre il nome dello yacht di Franco. Benvenuti, quindi, in una ragnatela di misteri sofisticati che segnala un ingresso molto promettente nel lungometraggio per questo regista.

Prodotto dagli svizzeri di Alina Films con i francesi di Local Films, gli argentini di Ruda Cine e la RTS, Azor è venduto nel mondo da Be For Films.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy