email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2021 Concorso

Recensione: Fabian – Going to the Dogs

di 

- BERLINALE 2021: Ambientato durante il declino della Repubblica di Weimar, il film di Dominik Graf non è rilevante né coinvolgente, nonostante gli sforzi di Tom Schilling e Saskia Rosendahl

Recensione: Fabian – Going to the Dogs
Tom Schilling in Fabian – Going to the Dogs

Fabian - Going to the Dogs [+leggi anche:
trailer
intervista: Albrecht Schuch
scheda film
]
, in corsa per l'Orso d'Oro alla Berlinale di quest'anno, è un adattamento dell'omonimo romanzo di Erich Kästner, che, pubblicato 90 anni fa, è noto per applicare tecniche cinematografiche come i tagli rapidi allo stile di scrittura. Gli stessi trucchi sono usati nel film di Dominik Graf, ma fanno un'impressione piuttosto strana, soprattutto se non si conosce da cosa traggano l’ispirazione originale. Gli improvvisi movimenti di camera, i tagli, lo stile visivo che oscilla tra il contemporaneo e un'estetica anni '30, nonché l'aggiunta di filmati d'archivio dei tempi della Repubblica di Weimar, creano ulteriore caos e impediscono al pubblico di connettersi con i personaggi principali. I suddetti personaggi sono l'aspirante scrittore Fabian (Tom Schilling), il suo amico Labude (Albrecht Schuch) e l'oggetto del suo amore, la studentessa di diritto cinematografico internazionale e attrice in erba Cornelia (Saskia Rosendahl).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Ognuno di loro cerca di tirare avanti in una Berlino tormentata dai fantasmi della Prima guerra mondiale, dalla recessione e dall'ascesa del nazionalsocialismo. Visitando università, bordelli, bar, ristoranti, trattorie, stanze economiche in affitto e case di lusso, fanno della città un labirinto tutto loro, che a volte serve a farli perdere ancora di più, mentre altre volte vogliono solo fuggire in un luogo a cui appartengono.

Sarebbe potuto essere un film molto interessante, se i tagli e altri strumenti di montaggio fossero stati usati più spesso e più efficacemente durante la scrittura della sceneggiatura e durante la composizione della storia. Diventa estenuante per una durata di quasi tre ore e spesso assomiglia a un film TV scritto male che per qualche motivo deve concentrarsi sul dialogo e ripete le stesse informazioni ed eventi, anche se non aggiungono nulla alla narrazione. Tutti i temi interessanti e rilevanti, come la rinascita dei gruppi neonazisti e il movimento #MeToo nell'industria cinematografica, sono sepolti sotto dialoghi privi di significato e monologhi voice-over.

Fabian - Going to the Dogs è guardabile solo grazie alle performance di Rosendahl e Schilling, che hanno una grande chimica sullo schermo e brillano anche nelle loro scene individuali. Come al solito, il lato umano è più interessante del gioco con le forme e i tagli.

Fabian - Going to the Dogs è prodotto dalla tedesca Lupa Film. Les Films du Losange gestisce le vendite internazionali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy