email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FILM / RECENSIONI Spagna

Recensione: Ilargi Guztiak. Todas las lunas

di 

- Igor Legarreta racconta una storia triste, vampiresca e oscura, in cui una ragazza vittima delle mancanze degli adulti rimane per sempre ancorata all'infanzia

Recensione: Ilargi Guztiak. Todas las lunas
Itziar Ituño e Haizea Carneros in Ilargi Guztiak. Todas las lunas

Nel 2017, Igor Legarreta esordì alla regia di un lungometraggio con Cuando dejes de quererme [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, una coproduzione ispano-argentina che mostrava un dramma familiare con conflitti politici, un certo umorismo e un po' di romanticismo sullo sfondo. Ora presenta Ilargi Guztiak. Todas las lunas [+leggi anche:
trailer
intervista: Igor Legarreta
scheda film
]
, un titolo apparentemente molto lontano da quello precedente ma con il quale ha qualche punto in comune. Perché stiamo parlando di un film che si iscrive nel genere mitologico-fantastico, ma che non cerca lo spavento e il terrore facile, bensì la riflessione e persino l’esistenzialismo affrontando temi importanti come l'immortalità, la fede e, come in quel primo film, le relazioni complesse tra genitori e figli.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

In particolar modo, il cineasta basco sottolinea con questo racconto terribile quel lato oscuro egoistico dell'amore, quando si pensa erroneamente che la persona amata sia proprietà privata: qui si manifesta in un soffocante rapporto madre-figlio, quando alla prole non è concesso di spiccare il volo, oppure quando si cerca nei figli un rimedio alla solitudine e al vuoto. In questo film, durante tempi difficili dei secoli passati, una strega (interpretata da Itziar Ituño) cerca di colmare le sue carenze trattenendo una ragazza ferita che trova nella foresta (l’esordiente Haizea Carneros), alla quale non specifica la postilla del contratto che le propone di firmare: in questo caso lo condanna all'immortalità.

Per raccontare una storia così sinistra, Legarreta ha usato un naturalismo magico, anche se suona contraddittorio, perché come il fotografo ceco Jan Saudek, che il regista aveva in mente nella sua messa in scena, ha mescolato una certa crudezza e verismo con un uso speciale del colore: un'atmosfera ombrosa, ma non monocromatica o un falso bianco e nero, anche se l'azione comincia nel XIX secolo, con una parte iniziale bluastra legata alla notte, una parte centrale dai toni caldi e giallastri, per terminare in una terza dove il rosso è dominante.

Inoltre, il film emana un'aura religiosa quando parla di immortalità, di quella capacità di trascendere la morte, contrastando l'idea che la morte faccia parte della vita. Affronta anche il modo in cui la fede promette, come rimedio alla paura di scomparire, una vita nell’aldilà. Così, i vampiri in questo film evitano la sofferenza e il dolore, ma finiscono per essere condannati a un'eterna solitudine, lontana dalla gioia; mentre il personaggio di Cándido (Josean Bengoetxea) ha bisogno di sentirsi vivo amando di nuovo… ma in modo generoso.

Ilargi Guztiak. Todas las lunas è una produzione delle compagnie spagnole Arcadia Motion Pictures, Kowalski Films, Pris&Batty FilmsIlargia Films, in coproduzione con Noodles Production (Francia). Filmax si occupa della sua distribuzione nei cinema spagnoli e delle sue vendite internazionali. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy