email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2021

Il Debussy accoglie le novità di Un Certain Regard e Cannes Première

di 

- 18 titoli di giovani registi e figure del cinema di ricerca a Un Certain Regard, e una nuova vetrina fuori concorso che include Desplechin, Mundruczo, Amalric, Arnold

Il Debussy accoglie le novità di Un Certain Regard e Cannes Première
Serre-moi fort di Mathieu Amalric

Considerata da alcuni esperti di cinema (primo fra tutti Jean-Luc Godard) come la sala di proiezione più eccezionale del Festival di Cannes, dal punto di vista tecnico e non solo, il Debussy farà da cornice a una nuova programmazione durante la 74ma edizione della manifestazione (dal 6 al 17 luglio).

Thierry Frémaux (che ha anche annunciato i film delle altre sezioni della Selezione ufficiale - leggi la news) ha infatti deciso di rifocalizzare la selezione competitiva Un Certain Regard su un mix di giovani registi (sei opere prime tra i 18 lungometraggi in cartellone) e rappresentanti più affermati di un cinema di ricerca formale. Ma ha anche creato un nuovo programma denominato Cannes Premiere che proporrà otto film fuori concorso firmati da noti autori, tra cui il documentario Cow [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
dell'inglese Andrea Arnold, Tromperie [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Arnaud Desplechin
scheda film
]
del francese Arnaud Desplechin, Serre-moi fort [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del suo connazionale Mathieu Amalric, Evolution [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Kornél Mundruczó e Kata Wé…
scheda film
]
dell'ungherese Kórnel Mundruczo e In Front of Your Face del sudcoreano Hong Sang-soo, ossia cinque nomi che non avrebbero sfigurato nella competizione ufficiale (vetta che hanno frequentato più volte). Ci sono anche i titoli francesi Cette musique ne joue pour personne [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Samuel Benchetrit
scheda film
]
di Samuel Benchetrit e Mothering Sunday [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Eva Husson
scheda film
]
di Eva Husson, e due documentari firmati dall'americano Oliver Stone (su JFK) e dalla francese Charlotte Gainsbourg (che passa per la prima volta dietro la macchina da presa).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La tradizionale selezione competitiva Un Certain Regard include anche diversi headliner molto noti ai cinefili internazionali, come il russo Alexey Guerman Jr. (in concorso a Berlino nel 2015 e 2018 e a Venezia nel 2005 e 2008, dove ha vinto un premio per la regia), il turco Semih Kaplanoglu (Orso d'Oro a Berlino nel 2010, in concorso a Venezia nel 2008) e l'israeliano Eran Kolirin (già premiato in questa stessa sezione nel 2007 con La banda [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, e in concorso a Venezia nel 2011).

Ma sono soprattutto le giovani generazioni ad essere sotto i riflettori di Un Certain Regard, in particolare i tanti film europei in lizza: Women Do Cry [+leggi anche:
recensione
intervista: Mina Mileva, Vesela Kazakova
scheda film
]
delle bulgare Mina Mileva e Vesela Kazakova, Bonne Mère [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hafsia Herzi
scheda film
]
della francese Hafsia Herzi, The Innocents [+leggi anche:
recensione
intervista: Eskil Vogt
scheda film
]
del norvegese Eskil Vogt, Lamb [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Valdimar Jóhannsson
scheda film
]
dell'islandese Valdimar Jóhannsson, Great Freedom [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sebastian Meise
scheda film
]
dell'austriaco Sebastian Meise, La Civil [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Teodora Ana Mihai
scheda film
]
della belgo-rumena Teodora Ana Mihai, Un monde [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Laura Wandel
scheda film
]
della belga Laura Wandel e la produzione austriaca Moneyboys [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: C.B. Yi
scheda film
]
del cinese C.B. Yi. Il tutto senza dimenticare Unclenching the Fists [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
della russa Kira Kovalenko.

Completano Un Certain Regard quattro titoli nordamericani (due film statunitensi, un messicano e un haitiano) e due asiatici (un cinese e una produzione del Bangladesh).

La lista dei film:

Cannes Premiere

Serre-moi fort [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
- Mathieu Amalric (Francia)
Cow [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
- Andrea Arnold (Regno Unito)
Cette musique ne joue pour personne [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Samuel Benchetrit
scheda film
]
- Samuel Benchetrit (Francia)
Tromperie - Arnaud Desplechin (Francia)
Jane par Charlotte [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
- Charlotte Gainsbourg (Francia)
In Front of Your Face - Hong Sang-Soo (Corea del Sud)
Mothering Sunday [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Eva Husson
scheda film
]
- Eva Husson (Francia)
Evolution
 [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Kornél Mundruczó e Kata Wé…
scheda film
]
- Kornél Mundruczo (Ungheria)
Val - Ting Poo, Leo Scott (Stati Uniti)
JFK Revisited: Through the Looking Glass - Oliver Stone (Stati Uniti)

Un Certain Regard

Moneyboys [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: C.B. Yi
scheda film
]
- C.B Yi (Austria)
Blue Bayou - Justin Chon (Stati Uniti)
Freda [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
- Gessica Généus (Haiti/Francia)
Delo (House Arrest) [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
- Alexey Guerman Jr. (Russia)
Bonne mère [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hafsia Herzi
scheda film
]
- Hafsia Herzi (Francia)
Noche de fuego [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
- Tatiana Huezo (Messico/Germania/Brasile/Qatar)
Lamb [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Valdimar Jóhannsson
scheda film
]
- Valdimar Jóhansson (Islanda)
Commitment Hasan - Semih Kaplanoglu (Turchia)
After Yang - Kogonada (Stati Uniti)
Let It Be Morning [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
- Eran Kolirin (Israele/Francia)
Unclenching the Fists [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
- Kira Kovalenko (Russia)
Women Do Cry [+leggi anche:
recensione
intervista: Mina Mileva, Vesela Kazakova
scheda film
]
- Mina Mileva, Vesela Kazakova (Bulgaria)
Rehana Maryam Noor - Abdullah Mohammad Saad (Bangladesh)
Great Freedom [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sebastian Meise
scheda film
]
- Sebastian Meise (Austria)
La Civil [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Teodora Ana Mihai
scheda film
]
- Teodora Ana Mihai (Belgio/Romania)
Gaey Wa'r - Na Jiazuo (Cina)
The Innocents [+leggi anche:
recensione
intervista: Eskil Vogt
scheda film
]
- Eskil Vogt (Norvegia/Svezia)
Un monde [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Laura Wandel
scheda film
]
- Laura Wandel (Belgio)

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy