email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE / FINANZIAMENTI Italia / Francia / Slovenia

Piccolo corpo, la favola cruda di Laura Samani a Cannes

di 

- Parteciperà alla 60ma Semaine de la Critique il primo lungometraggio della regista triestina, una coproduzione Italia-Francia-Slovenia guidata da Nefertiti Film

Piccolo corpo, la favola cruda di Laura Samani a Cannes
Celeste Cescutti in Piccolo corpo

Una favola cruda ambientata nel nordest italiano agli inizi del ‘900 e con protagonista una giovane donna che intraprende un lungo viaggio per salvare l’anima di sua figlia. È Piccolo corpo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Laura Samani
scheda film
]
, il primo lungometraggio della regista triestina Laura Samani, classe 1989, che verrà presentato alla 60ma Semaine de la Critique di Cannes, nel concorso lungometraggi.

Il film, interpretato da Celeste Cescutti e con Ondina Quadri (Arianna [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Carlo Lavagna
scheda film
]
, The Nest
 [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), è una coproduzione Italia-Francia-Slovenia guidata da Nadia Trevisan e Alberto Fasulo (il regista di Tir [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alberto Fasulo
scheda film
]
e Menocchio [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) per Nefertiti Film con Rai Cinema, ed è coprodotto da Thomas Lambert per la società francese Tomsa Films e Danijel Hočevar per la slovena Vertigo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Laureata in filosofia, diplomata in regia al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, e già a Cannes Cinéfondation nel 2016 con il suo cortometraggio di diploma La Santa che dorme, Laura Samani firma anche il soggetto del film e la sceneggiatura, quest’ultima insieme a Marco Borromei ed Elisa Dondi. La storia si svolge in una piccola isola del nord est italiano, in un inverno agli inizi del '900. La giovane Agata perde sua figlia alla nascita. La tradizione cattolica dice che, in assenza di respiro, la bambina non può essere battezzata. La sua anima è condannata al Limbo, senza nome e senza pace. Ma una voce arriva alle orecchie di Agata: sulle montagne del nord pare ci sia un luogo dove i bambini vengono riportati in vita il tempo di un respiro, quello necessario a battezzarli.

Agata lascia segretamente l'isola e intraprende un viaggio pericoloso attaccata a questa speranza, con il piccolo corpo della figlia nascosto in una scatola, ma non conosce la strada e non ha mai visto la neve in vita sua. Incontra Lince, un ragazzo selvatico e solitario, che conosce il territorio e le offre il suo aiuto in cambio del misterioso contenuto della scatola. Nonostante la diffidenza reciproca, inizia un'avventura in cui il coraggio e l'amicizia permetteranno a entrambi di avvicinarsi a un miracolo che sembra impossibile.

Piccolo corpo è stato girato in Friuli Venezia Giulia e Veneto. Il distributore internazionale del film è la società con sede a Parigi Alpha Violet.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy