email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SHEFFIELD DOC FEST 2021

Recensione: Carlos Ghosn: The Last Flight

di 

- Il documentario di Nick Green rivela come l'ex CEO di Renault-Nissan sia sfuggito agli arresti domiciliari in Giappone scappando in Libano

Recensione: Carlos Ghosn: The Last Flight

Nel dicembre 2019, Carlos Ghosn - l'ex ad della Renault-Nissan Alliance accusato di vari crimini finanziari - ha lasciato a bocca aperta il mondo intero scappando dal Giappone in una fuga che i registi ritengono degna di un thriller hollywoodiano. Per quello dovremo aspettare perché ora si tratta di un documentario di Nick Green, parte dell'eccellente filone Storyville della BBC, che è stato presentato in anteprima mondiale nella sezione Into the World allo Sheffield Doc/Fest.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Carlos Ghosn: The Last Flight [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
rivela al pubblico fin dall’inizio cosa aspettarsi e qual è la posta in gioco, presumendo correttamente che molti si chiederanno perché dovrebbero preoccuparsi di un capitalista apparentemente vigliacco, e che non è esattamente il più simpatico dei personaggi. Quindi, ci sono due grandi domande: cosa ha innescato la spettacolare caduta di Ghosn da leader del settore a latitante internazionale? E come è sfuggito agli arresti domiciliari in Giappone per rifugiarsi a Beirut, dove ora risiede?

Sorprendentemente le risposte sono in gran parte fornite dallo stesso Ghosn, intervistato per il film nel settembre 2020, che sostiene la tesi che lui è il danno collaterale di una battaglia tra Francia e Giappone sul futuro di Nissan. E dice di essere innocente. Green gioca su questo nel film, suggerendo che nulla è esattamente come sembra.

Il film insinua che Ghosn potrebbe essere un narratore inaffidabile. Un'intervista al procuratore giapponese inchioda Ghosn. Il film, tuttavia, nutre simpatia nei confronti di Ghosn. Il tasso di successo del 99,4% dei pubblici ministeri non viene utilizzato per dimostrare che gli investigatori fanno un lavoro molto approfondito prima di accusare qualcuno, ma che il sistema potrebbe essere ingiusto. Questa opinione è ulteriormente confermata da una didascalia che ci informa che le Nazioni Unite hanno condannato la durata della detenzione di Ghosn.

Ghosn racconta di come era volato in Giappone nel novembre 2018 per circa la 600esima volta, quando è stato arrestato. Nato in Brasile, è cresciuto in Libano con la madre e la nonna. Glissa sulla condanna di suo padre per l'omicidio di un prete a Sawfar, in Libano, nel 1960. La versione che preferisce è che, essendo un brasiliano cresciuto a Beirut, è "abituato a essere un estraneo". Un "outsider" che ha fatto parte del jet-set che ha calcato il red carpet di Cannes. Ci racconta come la sua carriera abbia rovinato il suo primo matrimonio. Ci sono interviste con la sua seconda e attuale moglie, Carole Nahas, che ha sposato nel 2016, ma quello che ha da dire la sua prima moglie potrebbe essere stato molto più interessante.

Il film è tutto orientato alla grande rivelazione di come Ghosn è fuggito, ma quando ci arriviamo, lo stereotipato stile documentaristico combinato con il personaggio sgradevole di Ghosn non spingono ad interessarsene. In ogni caso, la rivelazione di come Ghosn ha raggiunto la missione impossibile non è certo Man on Wire.

Green ha un atteggiamento più interrogativo verso la fine del film. Altri uomini, come l'ex braccio destro di Ghosn alla Nissan Greg Kelly, sono ancora sul banco degli imputati. E sono stati arrestati anche un padre e un figlio che hanno facilitato la fuga. Ghosn non ne parla per paura di incriminarli. Inoltre Green chiarisce che il caso mostra che c'è una regola per i super ricchi e un'altra per noi comuni mortali.

Mentre è vero che Green ha consegnato una versione imparziale della storia, il film avrebbe beneficiato di una linea editoriale più forte o di una vera rivelazione che dimostrasse la sua colpevolezza o la sua innocenza, in un modo o nell'altro.

Carlos Ghosn: The Last Flight è una coproduzione tra Francia, Regno Unito, Libano e Arabia Saudita di Alef One, BBC Storyville e MBC Studios.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy