email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FILM / RECENSIONI Serbia / Croazia / Repubblica Ceca

Recensione: Museum of the Revolution

di 

- Il primo lungometraggio documentario di Srdjan Keča affronta il tema dell'incompiuto attraverso la storia di un memoriale mai terminato e di tre persone emarginate che vivono nel suo seminterrato

Recensione: Museum of the Revolution

Il titolo del primo lungometraggio documentario del regista serbo Srdjan Keča, Museum of the Revolution [+leggi anche:
trailer
intervista: Srđan Keča
scheda film
]
, si riferisce a un memoriale incompiuto dell'epoca jugoslava. Il film affronta l'incompiutezza su più livelli, poiché si concentra sulla vita di tre persone ai margini della società, collegate al progetto degli anni ’60 del titolo. Il film è stato presentato in anteprima mondiale all'IDFA e proiettato questa settimana allo Human Rights Film Festival di Zagabria (5-12 dicembre).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Museum of the Revolution si apre con la descrizione dell'idea alla base del museo mai completato, seguito da filmati d'archivio degli inizi della costruzione della Nuova Belgrado, dove avrebbe dovuto essere situato. Ma le immagini color seppia di giovani che trasportano bandiere jugoslave, bulldozer e lavoratori che scavano, politici che tengono discorsi sono accompagnate solo dal crepitio di un cinegiornale che passa attraverso un proiettore, creando un'altra immagine incompleta.

Incontriamo poi lo strano ma irresistibile eroe del film: la bambina Milica, di circa otto anni, con grande chioma di capelli neri e la pelle bianchissima. Sta giocando sulla neve nei locali dell'enorme centro commerciale situato all'inizio di Nuova Belgrado, proprio di fronte al ponte sul fiume Sava.

La scena successiva ci immerge nell'oscurità dei sotterranei del Museo della Rivoluzione, l'unica parte che è stata completata. Una comunità di emarginati vive lì, occupandola abusivamente. Tra questi c’è Mara, un'anziana signora sorda che sta cercando di insegnare a Milica a lavorare a maglia, con la sola luce di un piccolo fuoco. Il primo segmento del film è dominato da queste immagini oniriche e silenziose, con luci tremolanti sui volti della bambina e della vecchia.

Quando lasciamo il seminterrato, incontriamo la madre di Milica, Vera. Scopriamo che sono rom e Milica è albina. Ormai è estate, i capelli bianchi di Milica sono cresciuti, sostituendo la tintura nera, e i due stanno facendo quadrare i conti lavando i parabrezza delle auto in attesa al semaforo sull'ampio viale di fronte al centro commerciale. Ora siamo su strade affollate e rumorose piene di auto, a pochi metri dalla caverna sotterranea da cui siamo arrivati. Ma l'atmosfera densa si estende anche qui, grazie al sound design onirico di Jakov Munižaba e alla colonna sonora ambient di Hrvoje Nikšić, insieme alle inquadrature dal basso della ragazza di Keča.

Suo padre è in prigione e si lamenta del fatto che Vera non stia inviando abbastanza denaro o pacchi di cibo. Ma siamo testimoni che madre e figlia stanno facendo davvero del loro meglio per guadagnarsi da vivere. Quando Milica riesce a ottenere 500 dinari (circa 4 euro), si pavoneggia come un pugile che ha appena messo KO il suo avversario. Questa ragazza paffuta, intelligente ed energica è il momento clou del film, ma anche sua madre e la vecchia signora sono personaggi ricchi di uno spirito invincibile.

Verso la fine, la telecamera di Keča viaggia di notte sul fiume, filmando il nuovo sviluppo sull'altra sponda del Sava: il progetto, dietro il quale c’è la corruzione e la tolleranza, del Belgrado Waterfront. Questo miraggio in stile Dubai (che si ci fa pensare a Mirage dello stesso Keča, vincitore di Ji.hlava 2012) è l'ennesimo inizio che finora è riuscito solo ad approfondire la spaccatura ideologica in questo paese di rivoluzioni fallite, di conti mai chiusi con il suo passato e di persone comuni che vivono in nei sotterranei, sia psicologicamente che materialmente.

Museum of the Revolution è una coproduzione serbo-croato-ceca di UZROK, Restart e nutprodukce. Lightdox gestisce le vendite internazionali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy