email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SUNDANCE 2022 Concorso World Cinema Dramatic

Recensione: Girl Picture

di 

- Questo film irregolare del regista finlandese Alli Haapasalo parla dei tormenti dell'adolescenza e di tazze Moomin: una combinazione perfetta

Recensione: Girl Picture
Aamu Milonoff, Eleonoora Kauhanen e Linnea Leino in Girl Picture

Selezionato anche nella sezione Generation della imminente Berlinale, Girl Picture [+leggi anche:
trailer
intervista: Alli Haapasalo
scheda film
]
di Alli Haapasalo ha appena ottenuto il Premio del Pubblico al Concorso World Cinema Dramatic al Sundance (leggi la news) – ed è un piccolo film perfettamente funzionante, anche se un po' troppo pieno di roba, su tre ragazze (Aamu Milonoff, Eleonoora Kauhanen e Linnea Leino) alla ricerca di cose che loro pensano le potrebbero rendere felici. Una di loro, una promettente pattinatrice sul ghiaccio, è alla ricerca di un triplo Lutz, che a quanto pare non riesce più a fare, mentre un'altra ambisce al piacere sessuale. Nel frattempo c'è l'innamoramento, o la lussuria - mostrati di solito tra frullati dai nomi ridicoli - tensioni familiari e un monologo contorto su una inaspettata connessione  tra lo sperma e le tazze con i Moomin. La prossima volta prendi dei contenitori di plastica, amica mia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Se tutto questo già vi sembra disordinato, lo è perché la regista passa da scene piuttosto realistiche, che dovrebbero fornire emotività al dramma sportivo – e che è probabilmente la sottotrama meno interessante del film – ad una maratona dove-cavolo-si-fa-sesso-in-questa-città. Mentre Rönkkö continua i suoi imbarazzanti acchiappi, determinata a farsi ammirare (Kauhanen è una delizia nel ruolo, racconta storie idiote e senza fine degne di Rose Nylund di Cuori senza età), Emma e Mimmi iniziano una relazione. È allora che le cose iniziano a vacillare, poiché sebbene le attrici di Haapasalo vadano più o meno bene da sole, insieme non convincono, soprattutto non in uno scenario romantico.

E poi c’è veramente troppo. Forse a causa delle protagoniste, sempre in giro ad annunciare di volere “cazzi nuovi" per poi crollare quando il loro genitore assente continua a ignorarle. Ma gran parte della colpa risiede nella sceneggiatura, che vuole ambiziosamente catturare quante più esperienze possibili. Anche se il risultato finale non è uniforme, è un film che ha ascoltato chiaramente molte voci che si levano attualmente e ha fornito ciò che queste voci stanno chiedendo: l'orientamento sessuale di qualcuno non è un grosso problema, il sesso è consensuale e non ha bisogno di avere un motivo, e se a qualcuno capita di guardare troppo porno, non è un errore, sarà solo più informato. È anche divertente vedere come le storie sui giovani abbiano dovuto drammaticamente migliorare la qualità del loro make up e fashion design a causa della mania suscitata da Euphoria. Mentre le sopracciglia sfolite di Mimmi e il labbro rosso di Rönkkö trasmettono in giro il messaggio, la vista di un ragazzo finlandese vestito come un magnaccia degli anni '70 in pelliccia non è ancora qualcosa a cui siamo preparati.

Ciò che alla fine funziona è che, nonostante tutto il dramma, Haapsalo mostra in realtà un mondo molto accogliente per le ragazze. Non c'è nessuna minaccia in agguato dietro l'angolo quando vagano per la città, nessun incontro violento. E questo francamente, è un sollievo. Dato il numero di film che usano l'aggressione sessuale come scusa per dare il via alla vicenda o che aprono con l'ennesimo cadavere femminile trovato nel bagagliaio di un'auto, si potrebbe davvero iniziare a credere che quando una donna torna a casa tutta intera, è un miracolo da festeggiare.

Questo è probabilmente il più grande risultato di Girl Picture: è bello vedere le ragazze non dover affrontare questo tipo di problemi per una volta, non dover pensare troppo se possono andare in questo posto e parlare con quella persona. Ti invita a provare le cose invece di consigliarti di stare attenta. E anche se questo colloca il film nel regno della fantasia, così sia. Ma essere una ragazza dovrebbe essere divertente e loro dovrebbero essere in grado di vederlo.

Girl Picture è prodotto dalla finlandese Citizen Jane Productions. Le vendite sono affidate a LevelK.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy