email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

IFFR 2022 Harbour

Recensione: Pénélope mon amour

di 

- La regista Claire Doyon osserva la figlia autistica dalla nascita all'adolescenza in questo docu-ritratto personale

Recensione: Pénélope mon amour

Crescere con un regista come genitore ti dà probabilmente diritto a video amatoriali di feste di compleanno e di Natale girati come se fossero film di Bergman, e probabilmente abbastanza ben fatti da essere accettati ai festival. Ma con Pénélope mon amour [+leggi anche:
intervista: Claire Doyon
scheda film
]
, la naturale propensione al cinema della regista Claire Doyon le ha portato uno studio unico sull'amore materno, e sull'affrontare i primi anni di malattia e disabilità. Ha iniziato a catturare sua figlia Pénélope in Super 8 e in digitale per due decenni mentre cresceva, e ha ridotto le riprese in questo ritratto osservativo e alternativamente rivelatore e frustrante che a volte getta più luce sui travagli della madre che su quelli della sua prole travagliata. Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al FIDMarseille, dove Doyon era già stata premiata per un film più piccolo su Pénélope nel 2012, è finito nella sezione Harbour dell'IFFR virtuale di quest'anno.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ci sono due elementi chiave nella composizione di Pénélope mon amour: le riprese di attualità, catturate da un'angolazione alta, dell'energica Pénélope (o "Péno", come la chiama spesso sua madre), e la voce fuori campo intermittente della stessa Doyon. Deve essere stato catartico assemblare questo studio quasi in time-lapse delle lotte di sua figlia - le parole articolate della regista, che corrono in tandem con il filmato, evocano un vero pathos. Nelle sue parole: "Fino ai due anni, si è sviluppata come gli altri bambini". Da quel momento in poi, Doyon trasmette la sua agonia e la sua confusione quando la sua prima figlia inizia a divergere da come gli "altri bambini" dovrebbero comportarsi: i ritardi nella comunicazione, l'iperattività e il sonno turbolento mandano i genitori in tilt e alla ricerca di cure, così come di un senso di sollievo.

A Péno viene data una diagnosi iniziale di autismo avanzato, insieme alla meno conosciuta sindrome di Rett - una rara malattia genetica che colpisce lo sviluppo del cervello, causando una progressiva perdita di abilità motorie e del linguaggio. Vengono consultati altri specialisti, a volte provenienti dal regno più alternativo della medicina e della guarigione, e i suoi genitori la inquadrano come una corsa contro il tempo per scovare un senso di funzionalità e normalità in lei, situato da qualche parte oltre i sintomi preoccupanti. Questo è ovviamente più giustificabile se si cerca di affrontare la sindrome di Rett da sola: anche se c'è uno slittamento e una sovrapposizione tra la prognosi per le due condizioni, le affermazioni che Doyon può "risolvere" o, nelle sue parole, "salvare" sua figlia causano disagio in questa epoca di orgoglio legato all'autismo e il suo relativo concetto di neurodiversità.

È probabile che il pubblico provi grande empatia per l'alienazione di Péno nel mondo, ma forse meno per il punto di vista di sua madre - sebbene la sua narrazione sia stata probabilmente progettata anche per provocare e per sfogare confessionalmente il suo modo imperfetto di vedere le cose. Péno è sempre inquadrata in relazione alla sua fascia d'età - "La ragazza del [piano] 7 che smette di respirare", paragonata al bambino del "[piano] 8 che suona la chitarra" - e al suo ambiente poco accogliente, evitata dal commesso che "[non] vende scarpe ai ritardati". Doyon sembra rendersi conto solo tardivamente, rispetto al pubblico, che probabilmente arriverà a questo film molto familiare con il soggetto, che Péno dovrà trovare un senso e un posto nel mondo a modo suo e sviluppare, secondo le parole della regista, "una modalità singolare di percezione". Anche se realizzato con le migliori intenzioni, una versione più illuminante della storia potrebbe riguardare semplicemente “l'essere” e il vivere, al contrario di liberare e curare.

Pénélope mon amour è una produzione francese di Tamara Films, COfilms e Micro Climat.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy