email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VISIONS DU RÉEL 2022 Concorso

Recensione: How to Save a Dead Friend

di 

- Il documentario di Marusya Syroechkovskaya descrive cosa significa crescere nella Russia del XXI secolo, ma è così intimo e onesto che potrebbe funzionare in qualsiasi contesto

Recensione: How to Save a Dead Friend

How to Save a Dead Friend di Marusya Syroechkovskaya è crudo, onesto e commovente come suggerisce il titolo. Il primo lungometraggio documentario della regista è così integralmente e potentemente suo che il fatto che sia ambientato nella Russia negli anni 2000 e 2010 diventa quasi irrilevante, anche se la storia è, naturalmente, inseparabile dal contesto sociale. Il film è stato presentato in anteprima mondiale al Concorso internazionale di Visions du Réel e ha ottenuto una menzione speciale (leggi la news).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Marusya aveva 16 anni nel 2005. Dopo aver visto il suo film, ti senti come se fosse un'amica, quindi la chiameremo per nome. Aspirante musicista rock e regista, credeva che questo sarebbe stato il suo ultimo anno sulla Terra. Come molti dei suoi coetanei in Russia, che lei, con umorismo amaro e una lucidità sorprendente, soprannomina la "Federazione della depressione", aveva un debole per le droghe e, forse non come tanti altri, una propensione all'autolesionismo. Ma la sua vena autodistruttiva troverà qualcosa di più di un suo equivalente in Kimi, un ragazzo di un anno più grande. Trascorre i 12 anni seguenti a filmare la loro relazione e, quando questa scoppia, la loro amicizia.

In una delle voci fuori campo più vivaci e riconoscibili del recente cinema documentario, descrive il momento in cui si sono incontrati e come si è innamorata di Kimi, fan dei Joy Division e somigliante a Kurt Cobain. Forse Kimi non assomigliava molto a Cobain, ma l'idea eminentemente grungy di essere un adolescente disilluso in una società che offre molte tentazioni e nessuna protezione porta sicuramente lo spettatore a percepirlo come tale. E il fatto che presto finiscano per farsi di eroina non può che confermarlo.

Marusya viene da una famiglia benestante, Kimi da una famiglia della classe media. Entrambe le famiglie sembrano essersi davvero prese cura dei loro figli – la mamma di Kimi lo dimostra sicuramente nel corso del film. Suo padre è morto quando aveva nove anni, segnandolo a vita, e suo fratello, che ha 18 anni in più, è lui stesso un tossicodipendente di lunga data. Quindi non sono la povertà, l'emarginazione o la mancanza di emozioni a spingerli all'eccesso. Né è semplicemente vivere nella brutale società russa, anche se il quartiere di Mosca dove vivono caratterizza molto Marusya, proprio come le persone nate nel Bronx, a Brixton o a Belgrado sono sia orgogliose che denigratorie del loro luogo di origine. Invece, sembra che sia l'evidente fallimento delle idee di progresso, futuro, successo e pari diritti che li ha portati dove l'uno è finito e l'altra ha trovato una via di fuga.

Stilisticamente e formalmente, il film di Marusya è una vera macchina del tempo. Il periodo a metà degli anni duemila, che è anche un periodo in cui Marusya e Kimi vivevano con un gatto di nome Ian, include un segmento infantile realizzato su Windows Movie Maker. Il personale si interseca con il sociale, e il tempo è scandito dai discorsi di Capodanno di Eltsin (dai filmati d'archivio), poi Putin, Medvedev, Putin, Putin... Le immagini delle proteste di strada girate dalla stessa Marusya vanno e vengono, ma sembra che non ci perderemmo granché se non ci fossero.

Avendo girato per 12 anni, Marusya ha utilizzato molte telecamere diverse. Deve essere merito della troupe di post-produzione, e in particolare del montatore siriano Qutaiba Barhamji, che ha realizzato un'impresa simile in Little Palestine (Diary of a Siege) [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, che le immagini si incastrano così bene e la storia scorre senza intoppi.

How to Save a Dead Friend è una coproduzione tra la svedese Sisyfos Film, Docs Vostok, la norvegese Folk Film e la francese Les Films du Tambour de Soie, con la partecipazione di Lyon Capitale TV e Rundfunk Berlin-Brandenburg, e in collaborazione con ARTE. Le vendite internazionali sono curate dalla svizzera Lightdox.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy