email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

NIGHT VISIONS 2022

Recensione: Holy Shit!

di 

- Preparatevi per la "vendetta del gabinetto" in questo folle racconto diretto da Lukas Rinker

Recensione: Holy Shit!
Thomas Niehaus in Holy Shit!

Da dove cominciare con il tedesco Holy Shit! di Lukas Rinker, proiettato al Night Visions di Helsinki? Si potrebbe dire che continua l'orgogliosa tradizione dei film su persone bloccate in luoghi che stavano solo pianificando di visitare (o derubare, come in 4x4 [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
). Si potrebbe dire che c'è qualcosa di profondamente inquietante nell'idea di essere intrappolati da qualche parte, per sempre, rendendosi conto che nessuno verrà ad aiutare e che gli snack sono finiti. Oppure potremmo semplicemente dire che si tratta di un uomo che muore lentamente dissanguato all'interno di una toilette portatile.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Quell'uomo è Frank (Thomas Niehaus), un architetto in ascesa. Ambizioso e troppo impegnato per notare che ha trascurato la sua partner e ha collaborato con uno sviluppatore malvagio con qualche problema col papà (Gedeon Burkhard, che sembra un po' un Lambert Wilson decerebrato). Quando si sveglia nel nuovo ambiente un po’ acre, con un'asta d'acciaio che gli sbuca dalla mano, gli ci vuole un po' per capire come ci sia arrivato, oltre a riconoscere che qualunque cosa gli stia gocciolando sul viso non ha nulla a che fare con la signora sudata con un elmetto giallo che stava sognando. Ci siamo passati tutti.

Quello che segue c'era da aspettarselo: Frank vuole uscire. Ma il fatto che non possa più sentire la sua mano non è l'unico problema, poiché presto dovrebbe esserci una demolizione nel punto esatto che lui sta attualmente occupando. Può sentire l'annuncio e quando il suo capo dice al pubblico che "il nostro architetto si sta facendoin quattro per essere con noi in questo momento", Frank pensa di liberarsi in stile 127 Hours [+leggi anche:
trailer
making of
Intervista Danny Boyle e James Franco …
scheda film
]
. Ha bisogno di lottare per la sua vita e niente, nemmeno la sua ridicola biancheria intima o il loquace coperchio del water gli impedirà di provarci. È divertente perché è stupido.

Definire il debutto di Rinker (che firma anche la sceneggiatura) un buon film sarebbe un passo troppo avanti, ma il suo impegno per raggiungere la follia e la pura idiozia è qualcosa da lodare. I suoi personaggi continuano a dire cose come "questo è pieno di merda" o "questo è così di merda da parte tua", come se non ce ne fosse abbastanza in giro, e il finale da solo potrebbe fungere da audizione di Burkhard l’avvoltoio per Looney Tunes.

Inoltre, è una bella aggiunta alla serie delle "scene in gabinetto più cattive della storia del cinema", che già include gemme come Ghoulies II, con il suo allettante slogan "proprio quando pensavi che tornare in bagno fosse sicuro ..." o persino Zombieland, condividendo la sua pratica regola "attenzione ai gabinetti". Detto questo, i problemi di Frank non hanno nulla a che fare con il soprannaturale, solo con le persone che sono stupide, avide e trascorrono troppo tempo al lavoro. Potremmo dire che una volta che ti dimentichi di tutti gli escrementi, suona davvero terribilmente familiare.

Holy Shit! è prodotto da Tonio Kellner e Jakob Zapf.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy