email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2022 Quinzaine des Réalisateurs

Recensione: Enys Men

di 

- CANNES 2022: Dopo il suo acclamato lungometraggio Bait, il regista britannico Mark Jenkin si addentra nell’inquietante folk horror

Recensione: Enys Men
Mary Woodvine in Enys Men

Come cantava Bob Dylan in "Rainy Day Women #12 & 35", “everybody must get stoned”. E ora c'è Enys Men [+leggi anche:
intervista: Mark Jenkin
scheda film
]
di Mark Jenkin, sicuramente uno dei pochi film a oggi a collegare la geologia alla psichedelia e alle esperienze extracorporee, con un doppio senso che non ha nulla da invidiare a quello di Dylan. Il cinema di Jenkin si svolge - per usare una parola di moda - in una zona "liminale", immergendosi negli strani incontri della vita marittima lungo la costa della Cornovaglia, con tutta quella foschia, nebbia e solitudine. Una pietra eretta, simile a un obelisco, può essere solo questo, per quanto inquietante, per gli estranei, ma per i marinai che attraversano le isole locali sulla loro rotta, diventa un pilastro di superstizione e significato.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Presentato in anteprima questa settimana alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes, Enys Men coinvolge e raggela in misura moderata, ma manca dell'ispirazione dirompente di Bait [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Mark Jenkin
scheda film
]
, il suo precedente lavoro lanciato dalla Berlinale, che aveva suscitato un giustificato entusiasmo per Jenkin come potenziale nuovo maestro del cinema britannico. Bait aveva la capacità di osservazione del lavoro di Ken Loach, che denunciava con rabbia i cambiamenti sociali in una delle aree più disagiate del paese, ma era inserito in un'estetica da film muto che creava un'estasi cinematografica. Mentre le preoccupazioni ambientali e sociali di Enys Men (che significa "isola di pietra" nella lingua della Cornovaglia) derivano direttamente dal legame che Jenkin ha da sempre con la zona, l'esperienza si colloca più nella scuola modaiola dell'horror popolare contemporaneo, evocando ma non riuscendo a raggiungere i livelli di Midsommar di Ari Aster, Ben Wheatley e Don't Look Now di Nicolas Roeg (uscito nel 1973 - anno in cui Enys Men è ambientato - ma che sembra non avere età).

Passata al ruolo di protagonista dopo una parte da non protagonista in Bait, Mary Woodvine è una "volontaria" senza nome del Wildlife Trust, che si stabilisce da sola, un po' misteriosamente, per circa un mese su una piccola isola al largo della costa della Cornovaglia. Il suo compito consiste semplicemente nel registrare gli effetti ambientali locali su una zona ricca di rari fiori bianchi, situata vicino al pozzo artificiale di una miniera di stagno fuori servizio. Un improbabile senso del tempo comico era una delle rare virtù di Bait, e Jenkin ottiene un pizzico di umorismo con molti inserti ravvicinati della volontaria che scrive "Nessun cambiamento", giorno dopo giorno, sul suo diario scientifico.

I timbri delle date si avvicinano progressivamente al 1° maggio, o May Day, e il film inizia ad aggiungere un po' di volatilità alla sua superficie placida. In un'utile esposizione della radio d'epoca di Woodvine (che si sintonizza anche su una frequenza che trasmette elettronica d'ambiente e funk in stile Blaxploitation), apprendiamo che il menhir, o pietra eretta, simile a Stonehenge, che occupa il centro esatto dell'isola, è visto dagli abitanti del luogo come un elemento che permette di ricordare episodi di dolore del passato, in modo non molto diverso da come la radio stessa trasmette flash vitali dal mondo esterno in questo paesaggio primordiale. In prossimità dei pistilli del fiore iniziano a comparire dei licheni rossi, di cui viene preso nota nel registro. E, cosa ancora più intrigante, il nostro senso di chi sia effettivamente la volontaria e le sue possibili relazioni passate nell'arco della sua vita si scompongono in percorsi a più fili e biforcazioni, espressi in una serie lampeggiante di corrispondenze e tagli associativi.

La finalità del film sembra essere la cura dell'ambiente: le cose belle e i modi di fare che saranno inghiottiti dal mare tra 50 anni, secondo la spaventosa previsione della crisi climatica che stiamo affrontando. Ma ciò sembra più vago, meno urgente e volubile, rispetto agli spaccati di vita della Cornovaglia che questo regista è stato in grado di catturare in precedenza.

Enys Men è una produzione britannica di Bosena, Film4 e Sound/Image Cinema Lab. Le sue vendite internazionali sono gestite da Protagonist Pictures.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy