email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2022 Un Certain Regard

Recensione: Les Pires

di 

- CANNES 2022: Opera prima riuscita per Lise Akoka e Romane Gueret, che con grande cuore, verità e abilità portano i ragazzi dei quartieri dall'altra parte dello specchio

Recensione: Les Pires

"Sembra che prendiate solo i peggiori – Sto cercando ragazzi che non hanno la vita facile, come nel film". Durante il casting per À pisser contre le vent ("pisciando contro il vento", parte di un proverbio nordico, il cui seguito è "ti bagni la maglietta, o litigando contro i tuoi capi avrai sempre torto"), bambini e adolescenti sfilano davanti alla telecamera nell'ufficio del regista e della sua assistente. "Non è difficile, è solo per conoscerci, parla come con i tuoi amici e poi facciamo solo un po' di improvvisazione". È su questa base, sul confine sfocato del documentario, ma attraverso una finta mise en abyme durante le riprese che seguono e attorno ai giovani della cité Picasso di Boulogne-sur-Mer che sono stati scelti per i ruoli principali, che si svolge Les Pires [+leggi anche:
trailer
intervista: Lise Akoka e Romane Gueret
scheda film
]
, l'ottimo primo lungometraggio di Lise Akoka e Romane Gueret, una bella scoperta nella selezione Un Certain Regard del 75° Festival di Cannes.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Per Ryan (Timéo Mahaut), Lily (Mallory Wanecque), Maylis (Mélina Vanderplancke) e Jessy (Loïc Pech), i quattro protagonisti selezionati dal regista (Johan Heldenbergh), inizia un'esperienza nuovissima che accelererà la loro evoluzione agendo sulle loro fragilità sotto lo sguardo incuriosito, persino geloso o di rimprovero degli abitanti del quartiere. Ci immergiamo direttamente sul set il settimo giorno di riprese in un'atmosfera ultra popolare perfettamente sintetizzata dal rap Rappelle-toi après l’école di Rémy, scandito due volte in Les Pires ("Il quartiere era un parco giochi… ai tempi della strada non avevi codici... E io preferisco un'infanzia per strada che in un palazzo Perché ti fa capire cose da adulti quando non hai nemmeno 18 anni... non avevo niente quando ero laggiù... Perché condividiamo questa stessa vita maledetta... Ricordo che avevo la rabbia").

In breve, la cultura locale è estremamente dura per una classe operaia che si trascina dietro tutte le disgrazie che implica la miseria economica. Il piccolo Ryan, ribollente di rabbia incontrollabile, vive con sua sorella da sei mesi dopo aver girato una serie di istituti a causa di una madre sopraffatta dalla vita; la bella Lily è stata bollata come "puttana" dopo essersi intrattenuta in bagno con i ragazzi della scuola nel periodo difficile successivo alla morte del fratellino per cancro; Jessy l'esibizionista ha scontato tre mesi di galera per guida senza patente e omissione di soccorso dopo aver investito un passante; e la giovane e misteriosa Maylis se ne fregadi tutto. I nostri quattro alfieri locali impareranno quindi molto su se stessi (ma anche sui loro testi, cosa non facile) e su un possibile (ma ancora molto lontano) altrove durante le riprese guidate da un regista che gioca con i limiti, molto umano ma anche manipolatore, se necessario, quando si tratta di portare a casa una scena.

Supportato da giovani interpreti molto coinvolgenti (in particolare il commovente Ryan e la sognatrice Lily), Les Pires brandisce uno specchio di verità confusamente naturale e doppiamente riflettente. Tra coloro che credono che "il fatto che questi giovani esistano non significa che debbano essere mostrati" (come il rettore del dipartimento di Educazione nazionale) o gli educatori che ritengono che tutto ciò vada contro i loro sforzi per migliorare l'immagine del quartiere, e altri ancora secondo cui "questi peggiori" sono in realtà perle scelte tra centinaia di giovani, il primo lungometraggio di Lise Akoka e Romane Gueret offre materiale per una discussione sociologica molto attuale. Ma, soprattutto, il film ha un cuore che batte forte e un potere liberatorio delle emozioni, vivace e allo stesso tempo compiuto a livello cinematografico per il suo modo di intrecciare due mondi incompresi che, a scoprirsi a vicenda, ci guadagnano entrambi.

Prodotto da Les Films Velvet e coprodotto da France 3 Cinéma, Les Pires è venduto nel mondo da Pyramide.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy