email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FILM / RECENSIONI Portogallo

Recensione: Um Corpo que Dança - Ballet Gulbenkian 1965-2005

di 

- Marco Martins crea un ritratto cinematografico abile e seducente della storia del Gulbenkian Ballet, così come l'ambiente sociopolitico portoghese del periodo 1965-2005

Recensione: Um Corpo que Dança - Ballet Gulbenkian 1965-2005

Un corpo danzante, un corpo sociopolitico, un corpo cinematografico: sono queste le forze che stanno dietro all'ultimo film di Marco Martins, Um Corpo que Dança - Ballet Gulbenkian 1965-2005, che ora è in uscita in Portogallo. Il titolo potrebbe suggerire che questo documentario sia solo uno sguardo alla storia del Gulbenkian Ballet, una compagnia di danza fondata dalla Calouste Gulbenkian Foundation. Tuttavia, dato che le arti possono essere un riflesso della società, o anche fare un passo avanti verso ciò che è (o dovrebbe essere) ancora a venire, nel film abbiamo anche un assaggio di questi elementi innegabilmente indissociabili.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Um Corpo que Dança si avvale di ricerche costituite da filmati d'archivio, combinati con estratti di interviste audio attuali, con ballerini, coreografi e altri personaggi che hanno fatto parte della storia di questa compagnia di danza.

Diviso in 12 capitoli, il film ha un prologo che dà alcuni spunti su ciò che ci si può aspettare: in primo luogo, sentiamo Merce Cunningham parlare della differenza tra il palcoscenico e la telecamera in termini di rappresentazione di spettacoli di danza. Sono due mezzi che offrono al pubblico una prospettiva diversa, dando il tono alla gamma di comprensione che si può ottenere dalle riprese d'archivio delle esibizioni del Gulbenkian Ballet. In secondo luogo, emergono le immagini della rivoluzione del 1974, seguite da un corso di danza in una fabbrica di colori nel 1975, dove i ballerini spiegano come sia fondamentale, per poter esibirsi, ripetere e praticare per anni le tecniche più elementari. Si confrontano con la domanda: il balletto è per le masse? E come si collegava a principi più rivoluzionari? E la risposta è stata abbastanza chiara: essere lì in quella fabbrica è stato, di per sé, un atto rivoluzionario.

Nei capitoli successivi (principalmente lineari e cronologici), ci viene presentata una storia che inizia con i tempi della dittatura (quando i livelli di analfabetismo e povertà erano alti), seguiti dalla rivoluzione e dagli anni di democrazia che seguirono (quando, per esempio, gli studi artistici sono stati democratizzati), fino al 2005. In quegli anni, il Gulbenkian Ballet ha avuto sei diversi direttori artistici, e uno di questi è Jorge Salavisa, che è stato lì per quasi 20 anni e al quale è dedicato il film. Una delle idee che prevale è il concetto di identità. La maggior parte di ciò che vediamo è in effetti il tentativo del Gulbenkian Ballet di definire la propria identità, mentre allo stesso tempo c'era un tentativo collettivo portoghese di (ri)definire ciò che costituiva la sua identità nazionale. E in parallelo, possiamo anche assistere allo sbocciare di un'altra identità distinta: quella del film.

Si può intuire che la connessione tra così tanti pezzi di storia potrebbe essere andata storta. Ma questo è esattamente il punto in cui questo film ottiene il giusto risultato: grazie a un montaggio straordinario, questo film di due ore, con quattro decenni di storie e storia, funziona in modo sorprendentemente fluido. Il suo brillante uso di filmati d'archivio crea un'estetica sublime, completata da un ottimo mixaggio del suono, che lo trasforma in un'esperienza sensoriale nel complesso estremamente piacevole. La colonna sonora è a volte troppo sfruttata, ma questo non interferisce in alcun modo con l'impressionante realizzazione del film. Per quanto sia facilmente accessibile da qualsiasi tipo di pubblico, Um Corpo que Dança invia un messaggio chiaro e cruciale dal passato al presente e guarda al futuro per determinare in che modo le arti sono state, e sono tuttora, un elemento chiave per società.

Um Corpo que Dança è un'iniziativa della Calouste Gulbenkian Foundation ed è una coproduzione di Vende-se Filmes e RTP.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy