email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SERIE / RECENSIONI Stati Uniti / Francia

Recensione: Irma Vep

di 

- Olivier Assayas rende omaggio al suo film del 1996 con lo stesso titolo, così come al classico del cinema muto di Louis Feuillade Les Vampires, in questa avvincente serie realizzata per HBO

Recensione: Irma Vep
Alicia Vikander e Devon Ross in Irma Vep

Uno dei dettagli più divertenti della versione originale di Irma Vep del 1996 è il modo in cui il regista del remake di Les Vampires (interpretato da Jean-Pierre Léaud) suggerisce l'interpretazione di Catwoman da parte di Michelle Pfeiffer come ispirazione per il design della protagonista. Un film della metà degli anni novanta che fa riferimento per nome a un altro film di pochi anni prima è così strano - sarebbe come menzionare Titane nel prossimo film di Tom Cruise. Raramente i nuovi film sono così consapevoli degli altri che li circondano, preferendo nascondere le loro influenze piuttosto che dichiararle per nome.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nei film iper-referenziali di Olivier Assayas, il mondo, così come gli altri film, tendono a trasparire più liberamente. E così è anche nel suo ultimo lavoro Irma Vep [+leggi anche:
intervista: Olivier Assayas
scheda series
]
, in cui il regista francese torna felicemente alla modalità televisiva a episodi in cui ha eccelso con Carlos [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
nel 2010, interrompendo la traiettoria estetica poco promettente dei suoi precedenti lungometraggi. Questa serie mantiene le premesse e gran parte dell'arco narrativo dell'omonimo lungometraggio del 1996, che ha segnato la sua carriera, seguendo da vicino la travagliata produzione di un remake di Les Vampires, il serial muto sulla criminalità che ha gettato le basi per i più noti Hitchcock, Batman e Rivette. Un'attrice straniera e alla moda - Maggie Cheung nel primo caso, Alicia Vikander questa volta - è stata inviata per interpretare l'antieroe principale, vale a dire Irma Vep, indossante una tuta. Anche questa volta la produzione, che riflette l'industria cinematografica francese, non riesce ad assimilare la sua presenza aliena. La serie si è conclusa all'inizio di questa settimana, dopo che i primi tre episodi erano stati presentati in anteprima a Cannes a Maggio.

Il cambiamento più importante e, in ultima analisi, più gratificante apportato da Assayas è l'ampliamento del ruolo del regista malato del remake, René Vidal, che sostituisce il trasandato regista francese della Nouvelle Vague di Léaud con un accattivante nevrotico, interpretato da Vincent Macaigne, che insiste sul fatto che sta realizzando un lungometraggio epico di otto ore, piuttosto che un semplice prodotto televisivo. La principale fonte di conflitto è il tentativo di Vidal di realizzare appieno questo enorme progetto, mentre dei loschi finanziatori che giocano a golf, la sua stessa salute mentale variabile e degli attori incomprensibili confusi dalla mancanza della psicologia dei personaggi che ha mantenuto fedelmente dall'originale del 1915, cospirano tutti contro di lui. Ma Mira, il personaggio di Vikander, sembra uno spirito artistico affine, che lo guida nella riparazione della sua psiche tormentata - che sembra essere la ragione principale, in qualche modo egoistica, per la realizzazione di questo nuovo Les Vampires, a prescindere dal piacere che egli trae chiaramente anche dalla realizzazione del film stesso (da notare la presenza di un coreografo virtuoso con un amore per il wire-work e di un consulente di BDSM sul set con tempi comici taglienti).

La concezione del personaggio di Vikander è profondamente influenzata dal lavoro di Assayas con Kristen Stewart, creando uno sguardo insolitamente approfondito sulla vita lavorativa di un'attrice famosa, senza il cinismo di altre esposizioni e satire sul mondo dello spettacolo. E i personaggi sul set, dal freddo direttore della fotografia di Antoine Reinartz all'"Ispettore libertino" di Lars Eidinger, sono amorevolmente presi da Rainer Werner Fassbinder e dalle sadiche dinamiche di potere della sua opera. Ma Assayas indirizza la maggior parte della sua rabbia verso le crudeli forze del capitalismo che ostacolano la creazione dell'arte e che aleggiano sulle relazioni umane deformate e transazionali che vediamo qui - sebbene riesca a trovare una bellezza scintillante anche in questo.

Irma Vep è una coproduzione tra Stati Uniti e Francia di A24, Vortex Sutra, The Reasonable Bunch e Little Lamb. Distribuito da Warner Bros Television.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy