email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LOCARNO 2022 Piazza Grande

Recensione: Delta

di 

- Il regista italiano Michele Vannucci porta un western particolarmente bagnato ambientato in un mondo dimenticato anche dal sole

Recensione: Delta
Alessandro Borghi e Luigi Lo Cascio in Delta

Presentato in anteprima nella sezione Piazza Grande del Locarno Film Festival, Delta [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Michele Vannucci, potrebbe essere, e forse dovrebbe essere, una serie tv di lunga data. Non ci stiamo lamentando, semplicemente l'universo creato in questo film meriterebbe una portata più ampia, un'opportunità per offrire un vero e proprio noir italiano ambientato nel delta del Po. E poi "basta con l'Italia e le Ferrari", dice qualcuno nel film. Questo è un mondo diverso, dimenticato anche dal sole.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Sebbene i personaggi siano per lo più abbozzati, Delta rimane un film ben interpretato, che sfrutta al massimo la sua strana ambientazione nebbiosa, che le persone amano ancora e per cui sono disposte a combattere, anche se è difficile dire perché: il delta sembra già morto, grigio e abbandonato, prende vita solo nei ricordi o in vecchie registrazioni. Pare fosse pieno di risate e gioia, e le famiglie vivevano il tipo di vita che avevano scelto. Poi, ancora, i ricordi mentono anche a noi e la nebbia probabilmente era lì dall'inizio.

Dopo aver passato momenti migliori, ora i conflitti nell’area stanno divorando la piccola comunità. Ci sono nuove regole, stabilite per proteggerlo, ma sono dannose per gli affari, c'è il rischio costante che i rifiuti industriali distruggano ciò che è rimasto e ci sono i bracconieri con storditori elettrici. In un certo senso, c'è qualcosa in questa storia che ricorda Alcarràs [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Carla Simón
intervista: Giovanni Pompili
scheda film
]
, l'Orso d'Oro di Carla Simón: anche qui intere famiglie devono rinunciare ai loro vecchi usi, anche se non vogliono. Ma questa volta dovranno anche affrontare violenza, fuoco e facce piene di odio.

Vannucci inizia con una sorta di osservazione sociale, ma non ama il cinema lento, e si sposta invece sul territorio del genere non appena può. Le cose si intensificano e una storia universale "noi" contro "loro" si trasforma presto in un duello tra Elia (Alessandro Borghi) e Osso (Luigi Lo Cascio). Da quel momento in poi, Delta sembra un western particolarmente bagnato, con due uomini che diventano così ossessionati da un litigio di cui probabilmente farebbero fatica a ricordare l'inizio. Ironia della sorte, c’è stata una pioggia battente durante la proiezione della prima di Delta, che è probabilmente il modo in cui questo film dovrebbe essere sempre mostrato.

Il film vira verso il piagnucoloso maschile e il fatto che i personaggi femminili siano così poco in carne non aiuta: tutto ciò che fanno è fornire un motivo a tutta quella follia per continuare, commentando l’eyeliner dell’una e dell’altra. Detto questo, Borghi – che ha già fatto una grande impressione quest'anno nel titolo di Cannes Le otto montagne [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Felix van Groeningen & Cha…
scheda film
]
– è semplicemente fantastico: un orso con guanti senza dita, che cerca di proteggere la famiglia che lo ha accolto ma che si rende conto che è ancora da solo. Di fronte a un'improvvisa tenerezza, crolla. Il percorso di Lo Cascio è ancora più oscuro, passa dall’essere il protettore del fiume, con una canzone incessante nella sua testa, a qualcuno che sembra solo geloso, che ha bisogno di vincere, solo per questa volta. "Perché devi sempre soffrire?" gli chiede sua sorella. Ma soffrono anche tutti gli altri, nel delta del Po.

Delta è prodotto da Groenlandia e Kino Produzioni con RAI Cinema. Le vendite sono a cura di True Colours mentre a portarlo nelle sale in Svizzera sarà Xenix Filmdistribution.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy