email print share on Facebook share on Twitter share on LinkedIn share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2022 Concorso

Recensione: The Wonder

di 

- Il nuovo lavoro di Sebastián Lelio è una novità nella sua filmografia, ci regala un'altra grande performance di Florence Pugh e rivela il giovane ma immenso talento di Kíla Lord Cassidy

Recensione: The Wonder
Florence Pugh in The Wonder

Il nuovo film di Sebastián Lelio porta il regista per la prima volta in gara per la Conchiglia d'Oro al Festival di San Sebastian. Il cineasta cileno torna quattro anni dopo il suo ultimo lavoro e lo fa accompagnato da una delle grandi star del momento, niente di meno che Florence Pugh. Con The Wonder [+leggi anche:
trailer
intervista: Sebastián Lelio
scheda film
]
, il cileno esplora per la prima volta il cinema d'epoca tratto dall'omonimo romanzo di Emma Donoghue. L'adattamento cinematografico di questa appassionante storia ci porta nell'Irlanda di metà Ottocento. In un piccolo paese si svolge la storia di Ana, una ragazza che non ha mangiato nulla per mesi eppure è miracolosamente viva.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

L'apertura del film è quanto meno curiosa. In un capannone industriale vediamo una serie di set costruiti su impalcature mentre una voce fuori campo ci invita ad approfondire la storia che vuole raccontarci, chiedendoci di crederci con la stessa passione delle persone che ci hanno lavorato per darle forma. Subito dopo entriamo sul set con la macchina da presa, trovandoci faccia a faccia con Lib, il personaggio principale che viene animato con brillante solidità da Pugh. Lib è un'infermiera inglese che viene assunta dalle autorità del paese dove vive Ana, la sua missione è quella di accompagnare la ragazza per poter testimoniare gli eventi straordinari che accadono nel luogo.

All'inizio, Lelio richiede pazienza allo spettatore, gli eventi si svolgono a un ritmo lento, lo stesso ritmo che governa la vita degli abitanti del piccolo paese in cui si svolge l'azione. Il processo di esplorazione della realtà che il film sollecita lo facciamo insieme alla sua protagonista. Capiamo presto che Lib è una donna poco credula, con un passato difficile che le fa avere i piedi per terra e voler scoprire la verità che si nasconde dietro un presunto miracolo in cui non crede. È meglio non aggiungere altro e lasciare che lo spettatore scopra da sé il mistero al centro del film.

È giusto evidenziare le qualità di un film la cui narrazione funziona con grande precisione e che sembra molto più classico sul piano formale rispetto ai precedenti lavori del cileno. Forse il pezzo più forte a livello  tecnico è la fotografia abbagliante di Ari Wegner, ancora una volta impressionante dopo la sua recente nomination all'Oscar per il suo lavoro in Il potere del cane [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
.

Concludiamo sottolineando ancora una volta il lavoro di Florence Pugh, che continua a inanellare performance eccellenti in film di alta qualità. Tra i ruoli secondari, Toby Jones e Tom Burke trovano nei loro personaggi veicoli perfetti per mostrare le proprie abilità. Ma senza dubio, la rivelazione è la giovane Kíla Lord Cassidy, che nella pelle della miracolosa Ana offre una performance interpretativa alla portata solo dei talenti più dotati.

The Wonder è una produzione dell’irlandese Element Pictures e della britannica House Productions; il film sarà visibile in tutto il mondo grazie a Netflix.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy