email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Francia

Al via il festival di Annecy

di 

Chi succederà a Fame chimica di Paolo Vari e Antonio Bocola al prossimo palmarès del Festival del cinema italiano di Annecy? La 23/a edizione del festival inizia domani per terminare il 4 ottobre e come ogni anno, offrirà il meglio del cinema del Belpaese. Nella competizione principale ci sono 9 film: Il resto di niente di Antonietta De Lillo, Sotto e sopra il ponte di Alberto Bassetti, Alla luce del sole di Roberto Faenza, Nessun messaggio in segreteria di Paolo Genovese e Luca Miniero, Saimir [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Francesco Munzi, Un silenzio particolare di Stefano Rulli, Fratelli d'Italia di Roberto Quagliano, La passione di Giosué l'ebreo di Pasquale Scimeca e E se domani... di Giovanni La Parola. In giuria, c'è anche Giuseppe Piccioni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ma la manifestazione diretta da Pierre Todeschini e Jean Gili offre soprattutto al pubblico francese una panoramica a 360 gradi sulla creatività italiana grazie alla sezione Panorama e ai 30 film selezionati. Tra questi figurano i film di Marco Tullio Giordana (Quando sei nato non puoi più nasconderti [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Marco Tullio Giordana
intervista: Riccardo Tozzi
scheda film
]
), Cristina Comencini (La bestia nel cuore [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) o Pupi Avati (Ma quando arrivano le raggaze?), ma anche astri nascenti come Alessandro D'Alatri (La Febbre [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
che riceverà il premio Sergio Leone), Vincenzo Marra (Vento di terra [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), Andrea e Antonio Frazzi (Certi bambini), Daniele Vicari (L'orizzonte degli eventi), Stefano Pasetto (Tartarughe sul dorso). Da segnalare la sezione Mafia Blues che include due documentari del regista siciliano Marco Amenta (Diario di una siciliana ribelle e L'ultimo padrino), oltre che un programma di corti d'animazione.

Quest'anno il Master Class ha scelto il produttore di Catteleya Riccardo Tozzi (leggere l'intervista), per dirigere un dibattito sul tema Produrre, coprdourre in Europa. Inoltre, saranno presentate una decina di produzioni di Cattleya, dei film diretti da Cristina Comencini, Marco Tullio Giordana, Michele Placido, Luca Lucini, Enzo Monteleone, Paolo Virzì, Gabriele Salvatores, Sergio Castellito, Franco Zeffirelli e Radu Mihaileanu (Vas, vis et deviens [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Denis Carot
intervista: Didar Domehri
intervista: Radu Mihaileanu
scheda film
]
).
Il Festival di Annecy ha il sostegno del Centre National de la Cinématographie (CNC), della Direzione Generale per il Cinema, di AIP-Filmitalia e dell'Anica.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.