email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

DISTRIBUZIONE Francia

61 film europei il 1° semestre 2006

di 

61 film europei il 1° semestre 2006

I distributori francesi hanno programmato ben 61 produzioni o coproduzioni europee (oltre ai film nazionali) per il primo semestre 2006. In testa arrivano 12 produzioni britanniche: Mrs. Henderson Presents (La signora Henderson presenta) di Stephen Frears (Pathé – 11 gennaio), Pride & Prejudice [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Orgoglio e pregiudizi) di Joe Wright (Mars Distribution – 18 gennaio), Ladies in lavender [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Charles Dance (TFM – 25 gennaio), The great ecstasy of Robert Carmichael di Robert Clay (Pretty Pictures - 15 marzo), Opal Dreams di Peter Cattaneo (Haut et Court – 29 marzo) e sempre in marzo Breakfast on Pluto [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Neil Jordan (Pathé). Figurano al menu anche diversi documentari tra i quali Sisters in Law di Kim Longinotto e Florence Ayisi (Ad Vitam – 8 marzo), Shooting Dogs di Michael Caton-Jones (Haut e Court – 8 marzo), Nanny McPhee di Kirk Jones (Mars distribution – 8 febbraio), il documentario One day in september (Memento Films – 25 gennaio) e Keeping Mum [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Niall Johnson (SND – maggio), e il nuovo film di Ken Loach, The Wind that Shakes the Barley [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ken Loach
intervista: Rebecca O’Brien
scheda film
]
(Diaphana – date da confermare). Viene dall’Irlanda il film Pavee Lacken [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Perry Ogden che sarà distribuito a febbraio da Pierre Grise.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
Cineuropa Survey 2020

La buona sorpresa europea del semestre viene dalla Germania dato che ben 9 produzioni o coproduzioni maggioritarie usciranno nelle sale francesi: Il cane giallo della Mongolia (ARP Sélection - 1er febbraio), Kebab Connection di Anno Saul (K Films – febbraio), la coproduzione franco-tedesca-olandese-serba Falling in paradise (Equation – febbraio), Heimat 3 d’Edgar Reitz (Diaphana – 22 marzo) e Low Profile di Christoph Hochhausler (Zootrope - aprile). Programmati anche un film di animazione Piuma e l’isola misteriosa di Piet di Rycker e Thilo Graf Rothkirch (Gebeka Films – 8 febbraio) e tre lungo metraggi le cui date non sono state ancora annunciate: Antibodies di Christian Alvart (La Fabrique de Films), la coproduzione franco-tedesca Frères d’exil (Fratelli d’esilio) di Ylmaz Arslan (Memento Films) e Un été au balcon (Un’estate al balcone) di Andreas Dresen (Océan Films). L’Austria sarà presente nelle sale con Welcome Home [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Abdi Gouhad
intervista: Abdul Salis
intervista: Andreas Gruber
scheda film
]
di Andreas Gruber (Limelight – 25 gennaio) e la coproduzione austro-tedesca-francese Klimt [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Raoul Ruiz (Gémini - 1er marzo).

Guardando al Mediterraneo, la Spagna sarà rappresentata con otto film, tra i quail il campione di incassi Volver di Pedro Almodovar (Pathé – aprile o maggio) e La vita segreta delle parole [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Isabel Coixet
scheda film
]
di Isabel Coixet (Diaphana – 3 maggio). Presente anche la coproduzione franco-cubana-spagnola Habana Blues [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Benito Zambrano (Pyramide – 11 gennaio), Reinas [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Manuel Gomez Pereira (ARP Sélection – 11 gennaio), El Lobo (Il lupo) di Miguel Courtois (Artédis- marzo), la coproduzione El Aura [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Fabian Bielinsky (Metropolitan – 29 marzo) e due uscite Colifilms ancora senza data: Inconscients [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Incoscienti) di Joaquim Oristrell e Il principio di Archimede di Gerardo Herrero.
Il Portogallo sarà presente con tre film: Odette [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Joao Pedro Rodrigues (Pierre Grise – 11 gennaio), A cara que mereces di Miguel Gomes (Shellac – 12 aprile), Transe di Teresa Villaverde (Gémini - maggio). E se l’Italia conta solo con due film in uscita, si tratta di due pesi massimi con Romanzo Criminale di Michele Placido (Warner - 22 marzo) e Il Caimano [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jean Labadie
intervista: Nanni Moretti
scheda film
]
di Nanni Moretti (Bac Films - 17 maggio).

La Scandinavia è presente soprattutto grazie ai film danesi: Allegro [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Christopher Boe (Celluloïd Dreams - aprile), la trilogia Pusher [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Nicolas Winding Refn (Swift - marzo o aprile) e Brothers [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Susanne Bier (Equation – 8 febbraio). Ma la Norvegia brillerà con Uno di Aksel Hennie (Haut e Court – 10 maggio 2006) e la Finlandia con Honey Baby di Mika Kaurismaki (Les Films du Safran – date da confermare). Due film di animazione sono ugualmente al menu: lo svedese Franz e il direttore d’orchestra (Les Films du préau - 1er febbraio) e la coproduzione danese-lettone I tre moschettieri (Cinéma Public Films – marzo o aprile). L’Ungheria sarà ugualmente presente con ben cinque produzioni: il film di animazione District di Aron Gauder (CTV International – gennaio), Fateless [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Lajos Koltai (Films sans frontières – 22 marzo), la coproduzione tra Ungheria, Francia e Austria Taxidermie [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di György Palfi (Memento Films – 14 giugno), la coproduzione austro-ungherese Dallas, Roumanie di Robert-Adrian Pejo (Les Films du Safran – 26 aprile) e Kontroll [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Nimrod Antal (CTV International – date da confermare).

Il Belgio sarà presente nelle sale francesi con diverse produzioni o coproduzioni: L’iceberg [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Dominique Abel, Fiona Gordon e Bruno Romy (MK2 – 22 marzo), le coproduzioni franco-belghe Dikkenek di Olivier van Hoofstadt (EuropaCorp – 17 maggio), Miss Montigny [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Miel van Hoogenbemt (Les Films du Safran – 22 marzo) e, con date da confermare, La Raison du plus faible [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(La ragione del più debole) di Lucas Belvaux (Diaphana), e Cow-Boy di Benoît Mariage (UGC ). Infine l’Olanda sarà anch’essa presente con Rembrandt Feci 1669 di Jos Stelling (ED Distribution) e Guernesey [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Nanouk Leopold (ASC – 25 gennaio), e la Svizzera con i documentari Le bal des chattes sauvages (Il ballo delle gatte selvaggie) di Veronika Minder (Epicentre Films – 11 gennaio) e Coca, la colombe de Tchétchenie (Coca, la colomba della Cecenia, K Films – 18 gennaio). Una coproduzione libanese, tedesca, francese, svizzera chiude il ballo di queste uscite: Massaker di Borgmann, Herman Theissen e Lokman Slim (Zootrope Films – 22 febbraio).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.