email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2006 Lituania

Un Certain Regard accoglie un hit locale

di 

Un Certain Regard accoglie un hit locale

You Am I del giovane e talentuoso regista lituano Kristijonas Vildžiūnas, ha già fatto storia in patria prima di arrivare sugli schermi di Cannes per la sua anteprima mondiale nella sezione ‘Un Certain Regard’.

“E’ la prima volta da dieci anni che un film sia un successo per pubblico e critica”, ha commentato il produttore del film Uljana Kim a Cineuropa. Uscito il 9 marzo, il film è stato visto da poche migliaia di lituani, buon numero considerando le limitate dimensioni del mercato di sale locali, che contano circa 1 milione e mezzo di spettatori l’anno. Perché un tale successo allora? “Molta gente è stanca dei film americani, e vuole vedere qualcosa di locale, ormai una rarità visto che ogni anno si producono solo due film in Lituania. In più, il film è ambientato ai nostri giorni, altra rarità per il cinema lituano” continua la Kim.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

You Am I è la storia di un architetto che lascia il suo lavoro e chiude la sua relazione sentimentale per ricominciare una nuova vita. Decide di costruire una casa nei boschi e di andarci a vivere da solo. Realizzato il suo sogno, manca però ancora qualcosa. Abbandona allora il suo isolamento per trovare quello che veramente desidera. Il famoso attore teatrale Andrius Bialobžeskis debutta sul grande schermo sotto la guida del musicista rock Kristijonas Vildžiūnas, noto per The Lease [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, presentato in Concorso a Venezia nel 2002. Il film rappresenta inoltre la terza collaborazione con la produttrice Uljana Kim, già presente a Cannes nel1999 con la co-produzione francese Courtyard di Valdas Navasaitis presentata nella sezione ‘Quinzaine des Rèalizateurs’.

“Costata quasi 600.000 euro, You Am I è la prima co-produzione baltica con la compagnia tedesca Pandora Film”, ha sottolineato con orgoglio la Kim. Abbiamo pochi soldi per fare film qui, (1.6 milioni di euro l’anno), e le co-produzioni sono vitali”. Al momento dell’intervista, il produttore era ancora in contrattazione con un rivenditore estero per la distribuzione internazionale del film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy