email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2006 Fuori concorso / PL

Il ragazzo sul cavallo al galoppo

di 

Dopo Z Odzysku [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Denis Dercourt
intervista: Michel Saint-Jean
scheda film
]
presentato nella sezione “Un Certain Regard” del Festival Dziki jeździec - Chłopiec na galopującym koniu (Il ragazzo sul cavallo al galoppo) di Adam Guzinski è il secondo film polacco a Cannes. Proiettato fuori concorso e in lizza per la Caméra d'Or, è il primo lungometraggio di un giovane diplomato alla Scuola Superiore del Cinema di Lódz che ha già al suo attivo dei colrti molto interessanti, come Jakub, premio della Cinéfondation qui a Cannes nel 1998.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Dziki jeździec è un dramma della comunicazione, magnificamente fotografato in un bianco e nero luminoso da Jolanta Dylewska. Tre personaggi, uno scrittore a corto d'ispirazione, sua moglie e suo figlio, residenti in campagna. La coppia non si parla più. Finché un giorno il bambino di sette anni non è costretto a subire un grave intervento chirurgico. Questo evento li costringe a confrontarsi e e ridefinire ciò che li unisce.

Silenzioso, composto di lunghi piani fissi e sequenze oniriche, è un film molto ispirato al cinema di Ingmar Bergman. Nonostante il paragone con il maestro svedese sia un po' pesante da reggere, Guzinski riesce a creare un universo personale, dando prova di un talento indiscutibile.

Dziki jeździec è prodotto da Opus Film in coproduzione con Telewizja Polska S.A, qche ne detiene anche i diritti internazionali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy