email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PREMI Francia

Cinque candidati per il Delluc

di 

Cinque lungometraggi sono in lizza per il prestigioso Premio Louis-Delluc , assegnato da una giuria di critici presieduta da Gilles Jacob, che proclamerà il 18 dicembre il miglior film francese dell’anno 2006. Tra i candidati si distinguono due selezionati in concorso ufficiale all’ultimo festival di Cannes, il Gran Premio della Giuria Flandres [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Bruno Dumont (3B Productions - leggi il resoconto e l’intervista al regista) e Quand j'étais chanteur [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Xavier Giannoli (prodotto da Rectangle Productions e EuropaCorp – vedi il resoconto e l’intervista a Gérard Depardieu), senza dimenticare Bled number one [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Rabah Ameur-Zaïmeche, proiettato sulla Croisette a Un Certain Regard (produzione Sarrazink e Les Films du Losange - leggi il resoconto e l'intervista al regista). In corsa anche Giardini in autunno [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Otar Iosseliani, un’altra produzione di Films du Losange proiettata al recente festival di Roma (leggi l'articolo), oltre a Lady Chatterley [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Pascale Ferran (leggi la news), nelle sale da sei giorni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Per il premio Louis-Delluc all’opera prima concorrono cinque lungometraggi, tra cui tre film presentati alla Mostra di Venezia: 13 (Tzameti) [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Fanny Saadi
intervista: Gela Babluani
scheda film
]
di Gela Babluani (Leone del futuro alla migliore opera prima del 2005 e Gran Premio al Sundance Festival 2006 – produzione Les Films de la Strada - vedi il Focus), Di passaggio [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Eric Caravaca (produzione Diaphana – leggi il resoconto) e Le Pressentiment [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Jean-Pierre Darroussin (Agat Films & Cie – leggi l'articolo), cui si aggiungono Les fragments d'Antonin [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Gabriel Le Bomin (Dragoonie Films e Productions Productions Paul Lederman) nelle sale da mercoledì scorso, e il film d’animazione futurista Renaissance [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Aton Soumache
intervista: Christian Volckman
scheda film
]
di Christian Volckman (Onyx Films– consultare il Focus).

Creato nel 1937 in memoria del regista, critico e scrittore Louis Delluc, il premio ha consacrato i più grandi registi francesi, da Jean Renoir a Claude Sautet, passando per Clouzot, Bresson, Truffaut, Pialat e negli ultimi anni Patrice Chéreau, Nicolas Philibert, Noémie Lvovsky, Lucas Belvaux e Arnaud Desplechin. L’anno scorso, il riconoscimento è andato a Les amants réguliers [+leggi anche:
trailer
intervista: Philippe Garrel
scheda film
]
di Philippe Garrel e Douches froides [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Anthony Cordier ha vinto il Delluc all’opera prima.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy