email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Ungheria

Everything is Different: nuova collaborazione con l’Italia

di 

In attesa della revisione dell’accordo del 1982 prevista per il 2007, le coproduzioni italo-ungheresi saranno protagoniste del prossimo Hungarian Film Week, che si terrà dal 30 gennaio al 6 febbraio a Budapest (leggi la news). Oltre Dolina di Zoltán Kamondi (già The Archbishop's Visit - vedi l’ articolo) che vede associate le società magiare Honeymood Films e Focus Films agli italiani di Gam Film, un altro lungometraggio tra i 18 in concorso è frutto di una coproduzione tra i due paesi: Everything is Different del duo István Dárday - Györgyi Szalai.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Prodotto per parte ungherese da Jenô Hábermann per FilmART, in coproduzione con Fókuszfilm e con il sostegno del Concorde Film Trust, Everything is Different a beneficia dell’impegno della società milanese Atre Film Factory. Girato con un budget inferiore a 900 000 euro, il lungometraggio racconta gli ultimi anni dello scrittore ungherese Sándor Márai, in esilio con la moglie a San Diego dove si suicidò nel 1989. Diventato famoso negli anni ’30, il romanziere e poeta visse in Italia prima di trasferirsi negli Stati Uniti nel 1948. Ma a partire dalla repressione sovietica a Budapest nel 1956, i suoi libri non furono più pubblicati in Ungheria, né altrove. Da qualche anno, le sue opere (Confessioni di un borghese, Le braci, L'eredità di Eszter...) sono state riscoperte e tradotte, e Sándor Márai è riconosciuto oggi come uno dei maggiori autori della letteratura ungherese e uno dei maestri del romanzo europeo.

I registi del film, István Dárday e Györgyi Szalai sono eredi della Scuola di Budapest degli anni ’70 (come Bela Tarr), che mischia fiction e documentario. Premio Fipresci a Berlino nel 1998 con Reflections, il duo conta solo cinque lungometraggi di finzione in 32 anni di carriera. Il ruolo di Sándor Márai è interpretato da Ferenc Bács, divo del teatro ungherese, mentre Katalin Gyöngyössy incarna Lola, la moglie dello scrittore.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy