email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2007 Mercato / Regno Unito

Goalpost lancia Clubland

di 

Per la prima volta a Cannes con Goalpost Film, la nuova compagnia da lui creata l’anno scorso con Nicki Parfitt, il sales executive Tristan Whalley si occupa delle vendite dell’hit del Sundance Clubland, già acquisito da vari paesi.

La commedia australiana sulla crescita sessuale, che parla di un 20enne senza esperienza (Khan Chittenden), la rauca madre attrice (Brenda Blethyn) e la fidanzata assertiva (Emma Booth), è stata diretta da Cherie Nowlan e prodotta da RB Films.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Warner Independent, che ne ha acquisito i diritti per gli Stati Uniti, il Regno Unito, l’Australia e la Germania, ha in progetto la distribuzione americana per il 4 luglio ed il lancio britannico nell’autunno prossimo. Wild Bunch ha acquisito il film per la Francia, Lucky Red per l’Italia, Rosebud per la Grecia, A Film per il Benelux e Scanbox per la Scandinavia.

Clubland ha richiesto cinque anni per la realizzazione”, ha commentato Whalley, che ha dato vita a Goalpost dopo sette anni a Portman Film and Television, dove si era occupato delle vendite del precedente hit di Brenda Blethyn, Saving Grace. “Ci occupiamo ogni anno di quattro-cinque titoli di valore inferiore a 10 milioni di dollari, per lo più in inglese, e di ogni aspetto del film, dal co-finanziamento alle vendite e al marketing”, ha commentato.

Attualmente in post-produzione è anche The Escapist dell’esordiente Rupert Wyatt, con Brian Cox e Joseph Fiennes. Whalley lo descrive come un “intenso thriller sull’evasione da una prigione”. La co-produzione britannico-irlandese tra Parallel Films e Picture Farm uscirà nel Regno Unito per Vertigo.

Tra gli altri progetti in pre-produzione ci sono il film australiano Elise di James Bogle, con Natalie Imbruglia, le cui riprese partiranno a Settembre; Happy Ever After, del filmmaker statunitense Richard Bowen e ambientato in Cina; ed il debutto alla regia di Matt Lipsey, The Climb.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy