email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FINANZIAMENTI Ungheria

MMKA sostiene Broadcast di Roland Vranik

di 

Dopo Black Brush, proclamato miglior film all'Hungarian Film Week 2005 (news), il giovane cineasta magiaro Roland Vranik (leggi l’intervista) prepara il suo secondo lungometraggio: Broadcast (Adas). Il progetto, le cui riprese si svolgeranno in autunno per uscire nella primavera 2008, avrà come tema principale quello di un mondo identico a quello attuale, ma senza televisione. Prodotto da Gábor Kovács per Filmpartners, Broadcast beneficia di una coproduzione di Inforg Stúdió e di 366 000 euro di sostegno della Motion Picture Public Foundation of Hungary (MMKA).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tra gli altri progetti sostenuti da MMKA con 366 000 euro figura Children of the Green Dragon (A zöld sarkany gyermekei) di Bence Miklauzic (produzione Mythberg Films), vincitore di due premi nel 2002 all'Hungarian Film Week con il suo primo lungometraggio Sleepwalkers. E la stessa cifra è stata attribuita a The Antz (A Hangya), sesto lungometraggio di Árpád Sopsits (produzione Hunnia Filmstúdió), selezionato in concorso a Locarno nel 1992 con Video Blues e vincitore nel 2001 del Gran Premio al festival di Montreal, oltre a quello per il miglior regista al Film Week con la sua ultima opera (Torzók). Da notare anche che 62 000 euro sono andati a Latogatas di Benedek Fliegauf (Inforg Studio), il regista cult di Forest, Dealer e Milky Way (news).

In totale, MMKA ha distribuito 2,1 M€ per i lungometraggi di finzione e 656 000 euro per i progetti d'animazione, tra cui 81 000 euro per Egill (articolo) di Áron Gauder (Inforg Studio), regista applaudito all'estero per il suo primo film The District. Tra i registi di finzione sostenuti, si distinguono Miklós Jancsó (miglior regista a Cannes nel 1972 , in lizza a Berlino nel 1986) con The Truth is Nowhere to Found (Mythberg Films), József Pacskovszky con Me, You, Them (Film Art),Sandor Kardos con A Siraso (Inforg Studio), lo slovacco Péter Bacsó (premiato a San Sebastian nel 1968 e a Locarno nel 1972) con Red Umbrellas (Megafilm), il ceco Dusan Rapos con Cinka Panna (Focus Film) e György Dobray con A Viszkis (Szita&Deak Filmgyarto).

Anche diverse opere prime beneficiano dell'appoggio della Motion Picture Public Foundation of Hungary: The Tranquility dell'attore Róbert Alföldi (Unio Film),Panic di Attila Till (Inforg Studio), Ejsbakai szolgalat di Peter Soos (Film Art) e Mazli di Tamas Kemenyffy (Extreme Film).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy