email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

USCITE Germania

Il cinema tedesco tiene il passo

di 

Mentre Concorde, Warner, Central, Walt Disney e Sony Pictures cominciano a lanciare i blockbuster americani in vista delle feste, il cinema tedesco non sta a guardare e propone oggi otto (co)produzioni sugli schermi.

Senator lancia Nothing But Ghosts [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, secondo lungometraggio (dopo l'apprezzato We del 2003) di Martin Gypkens, film a episodi con August Diehl: cinque storie ambientate in diverse parti del mondo, dall'Islanda al Nevada, in cui i personaggi, tutti trentenni, modificano il proprio modo di vedere se stessi e il mondo esterno. Questo film, prodotto da Andreas Eicher per Nox! Film, è stato presentato sulla Piazza Grande all'ultimo Festival di Locarno.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Kinowelt lancia un altro favorito dei festival, Hotel Very Welcome di Sonja Heiß (leggi l'intervista), titolo prodotto dalla società monachese Komplizen Film: anch'esso descrive il percorso interiore ed esteriore dei personaggi (cinque turisti in Asia). Warum Männer nicht zuhören und Frauen schlecht einparken (lett. "perché gli uomini non sanno ascoltare e le donne parcheggiare") di Leander Haußmann, con Benno Fürmann e Jessica Schwarz, racconta l'evoluzione di una coppia moderna. Questa commedia è prodotta e distribuita da Constantin.

Arsenal distribuisce invece il dramma The Man from the Embassy, in cui Dito Tsintsadze racconta la controversa amicizia che nasce spontanea tra un diplomatico e una piccola rifugiata. Questo titolo di Tatfilm Produktion, la cui sceneggiatura è stata premiata a Mar del Plata, è valso a Burghart Klaußner il Pardo d'argento 2006 per il miglior attore. Movienet lancia il film di guerra sul Kosovo Mörderischer Frieden di Rudolf Schweiger, con l'ex Shooting Star Max Riemelt (Napola) e Susanne Bormann (Gegenüber [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), e Freunde d. dt. Kinemathek distribuisce il documentario sulla scrittrice Angelika Schrobsdorff, Ausgerechnet Bulgarien di Christo Bakalski.

In cartellone, anche due coproduzioni tedesche: Hoppet [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del norvegese Petter Næss (distr. Farbfilm), coprodotto con la Svezia e la Norvegia, e In the Name of the King - A Dungeon Siege Tale di Uwe Boll (distr. Fox), coprodotto con il Canada e gli Stati Uniti.

Due titoli europei completano il programma: il documentario svizzero Bruno Manser - Laki Penan di Christoph Kühn (distr. Kool) e il cartone animato ungherese The District di Áron Gauder (distr. Alpha Medienkontor).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy