email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2008 Mercato

Cielo nuvoloso, con pochi sprazzi di sole

di 

Come in questa primavera incerta, anche la temperatura del Marché du Film di Cannes 2008 è stata piuttosto tiepida per la maggior parte dei rivenditori, ad eccezione di una dozzina di compagnie che proponevano titoli di successo in selezione ufficiale, come A Christmas Tale [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, Gomorra [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Domenico Procacci
intervista: Jean Labadie
intervista: Matteo Garrone
scheda film
]
, Entre les murs [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Carole Scotta
intervista: Laurent Cantet
scheda film
]
, Waltz with Bashir [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e Three Monkeys [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Zeynep Ozbatur
scheda film
]
.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

I buyer sono arrivati in ritardo e ripartiti presto, dopo soli tre-quattro giorni di permanenza, e hanno concordato sull'alleggerimento generale degli scambi al Marché. Molti rivenditori hanno accusato il maltempo, il dollaro debole, i prodotti locali più forti (soprattutto in Giappone), il mercato stanco per DVD e TV e, soprattutto, gli altissimo costi promozionali. America Latina, Medio-Oriente, Asia (ad eccezione del Giappone) e piccoli paesi europei, sono stati molto attivi (e in special modo Svizzera, ex-Jugoslavia, Portogallo e Grecia).

Altrove, invece, i buyer sono stati più selettivi. I distributori americani erano presenti, e sopratutto IFC ha mostrato un grande appetito, seguito da The Weinstein Company. Tra i cinque principali paesi europei, i buyer di Regno Unito e Francia sono stati in movimento, e hanno giocato al rialzo per titoli simili. Quelli di Spagna, Germania e Italia, si sono mostrati invece più cauti.

"I rivenditori americani sono più aggressivi con i propri titoli, e i prodotti nazionali sono più forti", ha sottolineato Thorsten Ritter di Bavaria. "A noi sono rimasti solo piccoli margini sul mercato".

Rasmus Ramstad, Direttore generale della major scandinava Svensk Filmindustri, si è fatto portavoce delle sensazioni generali dei buyer: "Ci sono molti prodotti ma pochi titoli interessanti. Il mercato è sempre più polarizzato da film grandi che crescono sempre più. Il cinema di nicchia può funzionare, ma per tutti quelli in mezzo è sempre più difficile".

Ancora una volta, dunque, la crescita annunciata dal Marché riflette la presenza sempre maggiore di produttori e finanziatori più che di executive delle acquisizioni. La crescita della produzione e le scarse vendite nelle recenti edizioni del mercato restituisce il collo di bottiglia esistente, che ha spostato l'attenzione dalla produzione all'acquisizione/distribuzione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy