email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Romania

Il Messico trionfa in Transylvania

di 

La cerimonia di premiazione del Transylvania International Film Festival — che si è tenuta sabato sera al National Theatre Hall di Cluj-Napoca — ha visto il trionfo dei registi messicani, vincitori del Transylvania Trophy e del Premio Speciale della Giuria.

Il Premio Speciale della Giuria è andato a Fernando Eimbcke con il suo Lake Tahoe, ma il momento clou della serata è stato la consegna, dalle mani di Catherine Deneuve, del Transylvania Trophy (del valore di 10.000 euro) a Yulene Olaizula per il documentario Intimacies of Shakespeare and Victor Hugo, film costato 600 dollari.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il terzo titolo messicano in concorso, The Zone [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Rodrigo Pla (co-prodotto con la Spagna), si è visto sfuggire per soli 0.04 punti il Premio del Pubblico, che è andato al regista francese Samuel Benchetrit per la commedia I Always Wanted to Be a Gangster [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

Omar Shargawi ha invece portato a casa il Premio al Miglior Regista con Go With Peace Jamil [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Meta Louise Foldager
intervista: Omar Shargawi
scheda film
]
, mentre uno dei film in corsa per il riconoscimento, l'estone Autumn Ball [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Veiko Ounpuu, è stato premiato con il Premio alla Miglior Fotografia (a Mart Taniel).

Gran festa anche per i rumeni: oltre al Premio alla Carriera per gli idoli locali Tamara Buciuceanu e Radu Beligan, The Flower Bridge, documentario di Thomas Ciulei già premiato al Cinema du Reel di Parigi e al goEast Festival, è stato scelto come Miglior Lungometraggio dei Romanian Days. La giuria ha votato all'unanimità come Miglior Corto dei Romanian Days Inspiration, satira co-prodotta da Moldavia e Romania e diretta da Igor Cobileanski.

Il regista Corneliu Porumboiu (12:08 East of Bucharest [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Corneliu Porumboiu
intervista: Daniel Burlac
scheda film
]
) è stato al centro di un altro momento commovente della serata, quando ha ricevuto dall'Ambasciatore Henri Paul il Chevalier Des Arts et Lettres della Repubblica di Francia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.