email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Portogallo

Tulpan commuove il pubblico di Estoril

di 

Tulpan commuove il pubblico di Estoril

A pochi giorni dalla conclusione, l'Estoril Film Festival ha presentato ieri in anteprima locale alcuni film già visti nelle vetrine internazionali.

Oltre alle produzioni di Eddie Saeta Birdsong e Liverpool (leggi news), il programma ha proposto fuori concorso Four Nights with Anna [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jerzy Skolimowski (co-prodotto dal direttore del festival Paulo Branco — leggi news) e due film in corsa per il Premio al Miglior Film: Hooked [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Adrian Sitaru
scheda film
]
e Tulpan [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Passato quest'anno a Venezia (leggi news), Hooked ha ricevuto una tiepida accoglienza, nonostante le interessanti soluzioni visive scelte dal regista rumeno Adrian Sitaru: la storia di una coppia prossima alla separazione viene narrata infatti da punti di vista soggettivi.

È andata meglio a Tulpan, che ha ottenuto un caldo applauso dal pubblico. Nel film, premiato a Cannes 2008 nella sezione Un Certain Regard, il regista Sergei Dvortsevoy racconta la vita di una famiglia di pastori in Kazakhstan con uno stile quasi documentaristico. Con le sue lunghe sequenze dedicate a riti e canzoni locali, scene intime di famiglia e l'emozionante nascita di una pecora, Tulpan è più che una semplice esperienza sociologica: la sottile riflessione sul ruolo della donna nel paese e una storia d'amore impossibile.

La misteriosa Tulpan (che vediamo una volta soltanto, in una ripresa da lontano dei suoi lunghi capelli) rifiuta la proposta di matrimonio del pastore Asa perché le orecchie dell'uomo sono troppo grandi. Si tratta però di un pretesto per lasciare la regione e frequentare l'università in un'altra città, decisione sostenuta dalla madre di Tulpan e inizialmente contraria al volere paterno.

Fallita per Asa la sua unica speranza di matrimonio nella deserta località, l'uomo sarà costretto a dare una nuova forma ai suoi sogni, e cercare di rendersi indipendente dall'influenza castrante del cognato. Il film ha un tono malinconico, bilanciato però dalle scene domestiche, divertenti e tenere.

Tulpan, grande co-produzione internazionale guidata dalla tedesca Pandora Filmproduktion, viene venduto all'estero da The Match Factory.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.