email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Belgio

9mm e Eldorado a Gijon

di 

9mm e Eldorado a Gijon

Due titoli assai diversi fra loro — prova della varietà della recente produzione belga — sono stati proposti in concorso al 46° Gijón Film Festival: 9 mm [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, secondo lungometraggio di Taylan Barman, turco di nascita ma residente a Bruxelles, ed il pluripremiato Eldorado [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
dell'attore-regista Bouli Lanners (leggi intervista).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Dopo Au-delà de Gibraltar (2001), Barman torna con un film che mischia thriller e dramma familiare, narrato dal punto di vista dei suoi tre protagonisti: un uomo, una donna ed il problematico figlio adolescente.

Con una decostruzione cronologica del plot e molte sequenze che seguono le azioni dei personaggi (l'influenza di Gus Van Sant è qui evidente), 9 mm cerca di comunicare al pubblico il problema dell'assenza di comunicazione.

Barman ha commentato: "Il figlio, ad esempio, è molto introverso, ma ha una carica interiore fortissima, che non riesce a mostrare alla famiglia. I tre personaggi stanno per esplodere, può accadere in un momento qualunque, in uno qualunque dei giorni della storia". Il regista ha confessato inoltre, in conferenza stampa, che la sua carriera cinematografica era tutt'altro che pianificata: "È stato un processo naturale. Da ragazzo, invece di perdere tempo con i miei amici in strada, trovai una telecamera e cominciai a riprendere le cose attorno a me. Dopo averle mostrate per festival, alcune persone se ne interessarono, ma si può dire che io sia arrivato al cinema per caso".

Prodotto da Saga Film, 9 mm è stato già presentato in anteprima in Belgio, e uscirà in Francia ai primi di dicembre.

Eldorado è un anomalo road movie che vede protagonisti un rivenditore d'auto ed un giovane tossicodipendente, ambientato in Vallonia (regione meridionale del paese che Lanners presenta come un meraviglioso paesaggio americano). Prodotto da Versus Productions con la francese Les Productions Lazennec, Eldorado era inserito lo scorso anno nella Quinzaine des Réalizateurs a Cannes.

Lanners — premiato nel 2005 a Gijón per il suo debutto Ultranova [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Bouli Lanners
scheda film
]
— non era al festival. Fabrice Adde ha parlato del film e dei metodi di regia al suo posto: "Alcune scene sono state improvvisate o scritte con Bouli un paio di giorni prima", ha dichiarato, "ci sono registi che scrivono film senza pensare agli attori, quasi ne avessero paura. Altri decidono di lavorare con attori non professionisti, che li interpretano. Fortunatamente non è stato questo il caso. Sono per gli attori nei film, per la gente che riesce a trasformare se stessa. Altrimenti si finisce nel narcisismo più totale".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy