email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Francia

Axelle Ropert gira La famille Wolberg

di 

Sceneggiatrice abituale di Serge Bozon per il quale ha scritto L’amitié (“L’amicizia”, 1998), Mods (proiettato a Locarno nel 2003) e La France (presentato alla Quindicina dei Realizzatori 2007), Axelle Ropert ha iniziato a girare venerdì scorso il suo primo lungometraggio come realizzatrice: La famille Wolberg (“La famiglia Wolberg”). Il cast è composto da Valérie Benguigui (Comme t'y es belle!), il belga François Damiens (JCVD), la giovane Léopoldine Serre, il già navigato attore svizzero Jean-Luc Bideau e Valentin Vigourt.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Scritta dalla regista stessa, la sceneggiatura si incentra sul compleanno di Delphine (Léopoldine Serre) che distrugge le apparenze di una famiglia che si era promessa di rimanere eternamente unita e felice. "Per i miei 18 anni, voglio un compleanno davvero speciale, il più bel compleanno della mia vita con voi." Quello che non è un capriccio, ma solo una richiesta insistente, suscita un’agitazione legittima – fare in modo che questo compleanno sia effettivamente il più bello -, ma anche degli interrogativi più profondi. Giorno dopo giorno, iniziano a comparire una serie di contrasti – alcuni leggeri, altri irreparabili. Un’altra storia, più comica, ma anche più dolorosa, si va delineando mano a mano che la festa si avvicina.

Prodotto da David Thion per Les Films Pelléas, La famille Wolberg gode di un budget di circa 2,5 milioni di euro, compresa una coproduzione della belga Versus Production, un anticipo sugli incassi del Centro Nazionale della Cinematografia (CNC), dei preacquisti della TPS e di Ciné Cinéma e di sovvenzioni da parte della regione Aquitania. In Borgogna fino al 27 dicembre, le riprese proseguiranno in Aquitania dal 5 al 24 gennaio. Pyramide controllerà la distribuzione nelle sale francesi e le vendite internazionali del film che potrebbe essere pronto per il prossimo maggio.

Dopo l’uscita, lo scorso agosto, di Versailles di Pierre Schoeller, Les Films Pelléas attualmente dirige in postproduzione Le père de mes enfants (“Il padre dei miei figli”) di Mia Hansen-Love. Continuano anche le riprese del documentario franco-svizzero Save the American Dream di Jean-Stéphane Bron, per non dimenticarne un altro, presentato a Locarno, Pelléas et Mélisande, le chant des aveugles di Philippe Béziat, che uscirà nelle sale nella seconda metà del 2009.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.