email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Venezia 2017 / Fuori concorso

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

7 articoli disponibili in totale a partire dal 01/09/2017. Ultimo articolo pubblicato il 08/09/2017.

Silvio Soldini ci mostra Il colore nascosto delle cose

Silvio Soldini ci mostra Il colore nascosto delle cose

VENEZIA 2017: Valeria Golino nei panni di una donna non vedente ritorna protagonista di un film del regista milanese a vent'anni da Le acrobate  

08/09/2017 | Venezia 2017 | Fuori Concorso

Recensione: Le Fidèle

Recensione: Le Fidèle

VENEZIA 2017: Mathias Schoenaerts torna davanti la macchina da presa del suo affezionato complice Michaël Roskam e al fianco di Adèle Exarchopoulos in una storia d’amore densa e tragica  

08/09/2017 | Venezia 2017 | Fuori concorso

Loving Pablo: oppure no?

Loving Pablo: oppure no?

VENEZIA 2017: Fernando León de Aranoa ci consegna un discutibile racconto cinematografico della vita di Pablo Escobar, proiettato fuori concorso al Lido; le star sono Penélope Cruz e Javier Bardem  

07/09/2017 | Venezia 2017 | Fuori concorso

My Generation: i bei tempi andati

My Generation: i bei tempi andati

VENEZIA 2017: David Batty arruola Sir Michael Caine (e altre leggende viventi estremamente familiari) e prova a catturare l’eterno fascino degli anni ’60  

05/09/2017 | Venezia 2017 | Fuori concorso

Victoria & Abdul: la rabbia del Raj britannico

Victoria & Abdul: la rabbia del Raj britannico

VENEZIA 2017: L'ultima commedia del regista inglese Stephen Frears, con Judi Dench nei panni di una Regina Vittoria burbera e poco raffinata, è stato proiettato fuori concorso a Venezia  

04/09/2017 | Venezia 2017 | Fuori concorso

La Mélodie: musica per le masse

La Mélodie: musica per le masse

VENEZIA 2017: Kad Merad come Michelle Pfeiffer nel prevedibile successo di Rachid Hami, che molto deve a Pensieri pericolosi, col valido aiuto di alcuni strumenti a corda  

02/09/2017 | Venezia 2017 | Fuori concorso

Recensione: Zama

Recensione: Zama

VENEZIA 2017: L’ultimo lavoro della regista Lucrecia Martel è finora il suo film più sconcertante e ambizioso, che affronta le leggi coloniali spagnole in Sud America nel XVIII secolo  

01/09/2017 | Venezia 2017 | Fuori concorso

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Privacy Policy