'71 (2014)
Ritorno a l'Avana di Laurent Cantet
Mr. Turner (2014)
Due giorni, una notte (2014)
Stations of the Cross (2014)
Jimmy's Hall (2014)
Il grande quaderno (2013)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Un grande autore del futuro"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Jean Labadie • Distributore

di 

- Jean Labadie di Bac Films torna a parlare del suo colpo di fulmine per Batalla en el cielo e spiega a Cineuropa i motivi del suo coinvolgimento

Jean Labadie • Distributore

In occasione dell'uscita in Francia del secondo film di Carlos Reygadas, il 26 ottobre con 57 copie, Bac Films, torna a parlare del suo colpo di fulmine per Batalla en el cielo e spiega a Cineuropa i motivi del suo coinvolgimento per un cineasta che non esita a paragonare a Luis Bunuel. Un rinforzo nel listino della Bac Films, che farà uscire prossimamente anche film come Free Zone [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Amos Gitaï, La mort de M. Lazarescu [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Cristi Puiu, Riviera di Anne Villaceque, La planète Blanche di Stéphane Millière e Thierry Piantanida, come anche Tideland di Terry Gilliam.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)


Cineuropa : Cosa vi ha portato a decidere di distribuire Batalla en el cielo?
Jean Labadie: Quando ho visto questo film in marzo scorso, ho avuto una specie di shock cinematografico, come non mi capitava da molto tempo. In seguito ho scoperto l'intero universo di Carlos Reygadas recuperando Japón e ho pensato che fosse altrettanto appassionante, credo ci sia un vero e proprio progresso tra i due film. E' un cineasta in piena crescita, di quelli che faranno il grande cinema di domani. Ho comprato il film appena uscito dalla proiezione.

Come pensate di far uscire questo film?
Le scelte e le idee del produttore Philippe Bober, che ha portato il film a Cannes in concorso, conteranno molto nella nostra strategia. Proprio in virtù dell'accoglienza che il film ebbe a Cannes, abbiamo deciso sin dall'inizio di farlo uscire il 26 ottobre, una data di programmazione abbastanza forte. Generalmente è un periodo in cui la gente ha voglia di andare al cinema, ci sono le vacanze scolastiche e quindi tempo libero, per cui possiamo dare al film la miglior esposizione possibile. Detto questo, chiaramente ormai tutte le settimane ci sono concorrenti, in particolare in ottobre e novembre. Ma Batalla en el cielo è un film talmente innovativo che occupa un posto speciale e conto sulla curiosità e l'interesse destato tra i cinefili. Sin da metà settembre, c'è stata molta affissionistica e passaggi di trailer nelle sale dove il film uscirà, oltre ad un intenso lavoro con la stampa, il cui sostegno è vitale per far conoscere un film di questo genere. Non potendo contare sulla notorietà degli attori, tutti sconosciuti, abbiamo lavorato molto attraverso televisione, critica e radio per far conoscere il titolo e stimolare l'interesse del pubblico. Non abbiamo alcuna intenzione di servirci dello scandalo per lanciare il film, in un paese come il nostro sarebbe solo un fuoco di paglia; Inoltre sono convinto che le persone attratte al cinema per questa ragione rimarrebbero estremamente deluse dal film e creerebbero un passaparola negativo. Credo che questo film faccia parte della dignitosa tradizione di un cinema coraggioso e rischioso come un L'âge d'or o un Un chien Andalou di Bunuel. Ecco perché Carlos Reygadas va sostenuto, e chi si tira indietro dinanzi alla prima ed ultima scena si perderà il film.

Uscire nelle sale dedicate al cinema d'autore è un pò come giocare a lascia e raddoppia rispetto alla potenza delle grandi produzioni ?
Distribuire i film d'autore comporta chiaramente un rischio commerciale ed economico ma è sempre stato così. E' forse ancora più difficile oggi perché il gran numero di film in uscita ogni settimana diminuisce il tempo di permanenza nelle sale di ciascun titolo. Per cui il periodo di esposizione si fa estremamente breve e se un film non decolla, sin dalla sua prima settimana di proiezione, è molto difficile che abbia la possibilità di rimanere nelle sale come accadeva negli anni '80. Oggi giorno un film ha una settimana per guadagnarsi il suo posto. Per il cinema d'autore è ancora più rischioso, non partendo con il vantaggio di avere una coppia come Blier-Bellucci per esempio, né un budget importante per la promozione, né possibilità mediatiche e nemmeno un'identità autoriale affermata come per un Woody Allen. Ma questo genere di rischi fa parte del nostro mestiere. Rischiare per uno come Carlos Reygadas mi sembra assolutamente logico perché sono certo che si tratta di uno dei maggiori autori dei prossimi anni.

Leggi anche

Newsletter

Cinema Meditérranéen Brux

Follow us on

facebook twitter youtube vimeo rss

Sevilla EN