Il ricatto (2013)
Saint Laurent (2014)
Anime nere (2014)
Three Windows and a Hanging (2014)
Tre cuori (2014)
Due giorni, una notte (2014)
Viktoria (2013)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL DI ROMA Belgio/Lussemburgo

email print share on facebook share on twitter share on google+

La Régate, la dura vita di un canottiere

di Boyd van Hoeij

21/10/2009

La Régate, la dura vita di un canottiere

La co-produzione belga-lussemburghese La Régate [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, debutto del belga Bernard Bellefroid, è stata proposta oggi in anteprima nella sezione Alice nella Città del Festival del Film di Roma.

Il film narra la storia del 15enne Alex (Joffrey Verbruggen, già in Unspoken [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Fien Troch), appassionato di canottaggio, che vive col padre Thierry (Thierry Hancisse), un perdente col quale divide occasionalmente il dovere di fare la spesa al supermercato.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nonostante il fisico di Alex sia il suo principale strumento di atleta, il padre non si fa problemi a picchiarlo, e poiché Thierry è l’unico membro familiare che si prenda cura di lui (una sorellastra gli sbatte la porta in faccia quando il ragazzo le chiede aiuto), Alex è costretto, volente o nolente, a stare con il padre.

E i problemi non finiscono qui: un nuovo ragazzo, Pablo (David Murgia), arriva agli allenamenti, e la competizione fra i due è così forte e piena di provocazioni che l’allenatore (Sergi Lopez, in un lungo cameo) li mette nella stessa imbarcazione.

Bellefroid, che ha scritto la sceneggiatura con David Lambert, tratteggia con credibilità i due diversi ambienti — una casa difficile e la competitività atletica in giovane età — che coincidono nella persona di Alex. Gli eventi che formano la sua vita sono però prevedibili, e nonostante la bravura degli attori, i personaggi che interpretano non sono particolarmente caratterizzati.

Il film, girato a Namur e dintorni e nel Lussemburgo, è molto bello a livello visivo, e Alain Marcoen (direttore della fotografia abituale dei Dardenne) fa un ottimo lavoro nel rendere la fatica fisica e insieme l’emozione di una gara di canottaggio.

Il film è stato prodotto da Artémis, Samsa Film e Liaison Cinématographique, con RTBF e col supporto di Luxembourg Film Fund, Eurimages, TPS Star, Ciné Cinéma e Programma MEDIA dell’Unione Europea. Le vendite internazionali sono affidate alla parigina Pyramide International.

(Tradotto dall'inglese)

astra
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter youtube vimeo rss

Latin American banner