Beauty and the Dogs (2017)
On Body and Soul (2017)
Handia (2017)
Valley of Shadows (2017)
Laissez bronzer les cadavres (2017)
I Am Not a Witch (2017)
The Square (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

BERLINALE 2013 Forum – Germania/Polonia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Sanità e malattia mentale, realtà e surrealismo in Sieniawka

di 

- Sieniawka, esordio del polacco Marcin Malaszczak, è uno sconcertante mix di documentario e fiction che esplora i confini di sanità e malattia mentale

Sanità e malattia mentale, realtà e surrealismo in Sieniawka

Sieniawka [+leggi anche:
trailer
festival scope
scheda film
]
, esordio del polacco Marcin Malaszczak, in apparenza un documentario ambientato nell’omonimo ospedale psichiatrico, è in realtà un puzzle destrutturato che sfoca i confini tra sanità e malattia mentale, e probabilmente molti altri ancora. Di fondo, la scelta delle categorie sui due lati del confine resta allo spettatore.

Il film si apre come un assurdo corto di finzione, con la figura centrale del paziente dell’ospedale Stefan Szyszka che vaga in un paesaggio post-industriale con la camicia di forza. Gli accadono alcuni incidenti sconcertanti, e chiaramente siamo nel territorio del realismo. Solo nella parte documentaristica del film lo spettatore avrà chiaro che sono forse sogni o delusioni del malato.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

A Sieniawka, che è sia il nome del villaggio al confine polacco/tedesco che dell’ospedale, osserviamo i pazienti nelle loro attività quotidiane. Questa parte non è però realistica, perché Malaszczak ha aggiunto gli sconosciuti, forse pazienti, e le loro abitudini e tic solo nel montaggio finale. Anche la sua scelta di illuminazione, gli angoli e le tecniche di ripresa suggeriscono che non sta perseguendo il realismo.

Il confronto con Ulrich Seidl e la “realtà messa in scena” del suo Import/Export [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
è inevitabile, come probabilmente l’accusa a Malaszczak di sfruttare i malati mentali. Ma probabilmente non è questo il caso di un regista cresciuto proprio a Sieniawka, anche se il suo caso non sarà sostenuto dal fatto che il film è così surreale che è difficile esprimere - e per lo spettatore difficile da provare - una simpatia per il tema e il regista.

Sicuramente non era comunque questo lo scopo di Malaszczak, più interessato al rapporto tra realtà e surrealismo, sanità e malattia, “normalità” e “anormalità”, e i riferimenti alla vaghezza di categorie come tempo e spazio sono quindi ovvi. Sieniawka non è un film facile da vedere o da capire, ma è una bella sfida per il pubblico in cerca di nuove espressioni cinematografiche.

Sieniawka è co-prodotto da Deutsche Film- und Fernsehakademie Berlin e la berlinese Mengamuk Films, che cura anche le vendite internazionali. 

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Astra
EPI Distribution
LIM
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss